Osservatorio Innovative Payments, nei primi sei mesi del 2022 i pagamenti digitali in Italia valgono 182 miliardi di euro (+22%)

- di: Barbara Leone
 
Nel primo semestre del 2022 il transato dei pagamenti digitali in Italia ha raggiunto quota 182 miliardi di euro, che vuol dire una crescita del +22% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Se, considerando l’effetto inflattivo, la crescita dei consumi non subirà bruschi rallentamenti a fine anno i pagamenti digitali potrebbero raggiungere un valore tra i 390 e i 405 miliardi arrivando quindi a rappresentare oltre il 40% del totale speso dagli italiani ed avvicinandosi così sempre di più ai contanti (ormai sotto la soglia del 50%). E’ quanto emerge dall’edizione semestrale dell'Osservatorio Innovative Payments della School of Management del Politecnico di Milano presentato in occasione del webinar “I pagamenti digitali in Italia nei primi sei mesi del 2022”. Dal report si evince che il Cashback di Stato ha alimentato la ripresa dei consumi e dei pagamenti digitali nel primo semestre del 2021, portando, secondo i dati della Banca Centrale Europea, l’Italia a far segnare uno dei valori più alti di crescita delle transazioni elettroniche in Europa (+41% contro una media del +18%). Tuttavia, sottolinea Valeria Portale, Direttrice dell’Osservatorio Innovative Payments, “lo spegnimento del Cashback non ha avuto forti ripercussioni sulla crescita dei pagamenti digitali, che risulta in linea con la traiettoria post-pandemia. Anche il numero di transazioni cresce, ma in maniera più contenuta rispetto al transato, raggiungendo il numero di 3,8 miliardi (+19% rispetto a metà 2021). Questo perché il primo semestre 2021 aveva visto una crescita importante di transazioni di basso importo grazie al Cashback: lo scontrino medio attuale, pari a 47,5 €, è infatti inferiore a quello di giugno 2021 (46,4 €), ma comunque decisamente inferiore ai 52 € di media del primo semestre 2020 (quando ancora le misure del Cashback non erano entrate a regime)”. A crescere maggiormente è il transato delle carte di debito (+24%), mentre quello delle prepagate cresce del +19%. Per quanto riguarda la categoria delle carte di credito, dopo un 2021 ancora con crescite molto contenute per gli effetti a medio termine del Covid, hanno registrato una crescita del 21% grazie soprattutto alla ripresa dei consumi ad alto importo per i servizi, il turismo e i viaggi aziendali. In crescita, anche se in minor misura, le operazioni di prelievo di contante con carta agli ATM, per un totale di 85 miliardi di euro (+14%).

In negozio, 7 transazioni digitali su 10 vengono oggi effettuate tramite carta contactless, smartphone o smartwatch

Tra i pagamenti “fisici”, la modalità di pagamento in negozio senza contatto viene preferita sempre di più, ma la crescita più significativa è stata fatta registrare dai pagamenti tramite smartphone e dispositivi wearable, come gli smartwatch. La modalità di pagamento tramite carta contactless si conferma la preferita per i pagamenti in negozio (rappresenta oggi il 64% del totale transazioni digitali, addirittura il 69% se consideriamo anche quelle via mobile, smartwatch e altri device Nfc) e cresce del 49% nel primo semestre del 2022 rispetto allo stesso periodo del 2021, per un totale di 79 miliardi di euro. La possibilità di pagare senza Pin sotto i 50€ (lo scontrino medio risulta infatti di circa 42 €) e la diffusione di carte e Pos di questo tipo sono i principali i fattori trainanti di questa crescita. “Sono però i pagamenti tramite smartphone e wearable a vivere la crescita maggiore: con un +139% negli ultimi 12 mesi, raggiungono un valore di 6 miliardi di euro nel solo primo semestre 2022”, segnala Ivano Asaro, Direttore dell’Osservatorio Innovative Payments. “Di questi, quasi il 90% è basato su tecnologia contactless Nfc.

Entro la fine del 2022 i pagamenti digitali puntano a raggiungere i 400 miliardi (crescita tra il 18% e il 22%)

Il restante è appannaggio di app che si basano su altre tecnologie (come i Qr Code o la geolocalizzazione) e che rappresentano circa il 24% rispetto al numero di transazioni”. La crescita a fine 2022 si confermerà superiore a quella pre-covid (cioè del +10,8% fatto segnare tra 2016 e 2019), con un prevedibile ulteriore aumento della penetrazione dei pagamenti digitali nei confronti del contante che potrebbe portare il valore del transato digitale a fine anno tra i 390 e i 405 miliardi di euro. A guidare la crescita saranno probabilmente proprio i pagamenti tramite smartphone e wearable, attesi a un valore tra i 14,5 e i 15,5 miliardi di euro a fine anno (oltre il doppio del transato 2021, che si era fermato a 7 miliardi). “Per fine 2022 - conclude Matteo Risi, ricercatore dell’Osservatorio Innovative Payments - ci aspettiamo un’ulteriore crescita del contactless, tra +40% e +49%, così come dei pagamenti da smartphone e wearable, che potrebbero raggiungere penetrazioni di poco inferiori al 5% sul transato in negozio. I pagamenti digitali potranno crescere molto a fine anno, aiutati anche dall’introduzione delle sanzioni legate all’obbligo Pos che potrebbero abbattere ulteriormente le barriere psicologiche dei consumatori nel decidere di pagare in elettronico. Se la crescita dei consumi, considerando l’effetto inflattivo, sarà simile a quella del primo semestre, i pagamenti elettronici potrebbero superare la quota del 40% sul totale dello speso degli italiani”.
Il Magazine
Italia Informa n° 1 - Gennaio/Febbraio 2023
Iscriviti alla Newsletter
 
Tutti gli Articoli
Cerca gli articoli nel sito:
 
 
Vedi tutti gli articoli