Il ritorno al Redditometro stoppato da Giorgia Meloni

- di: Redazione
 
Il no, secco e inequivocabile, al ritorno al meccanismo di controllo del profilo finanziario dei cittadini su dati oggetti, il ''famigerato ''Redditometro, è arrivato dal punto più alto della catena di responsabilità politica del Paese, Giorgia Meloni. Che, probabilmente avvertendo che la misura, in periodo pre-elettorale, sarebbe stata la classica zappa sui piedi del governo, ha preso carta e penna e, affidando ai social il suo pensiero, ha detto: ''Mai nessun “grande fratello fiscale” sarà introdotto da questo governo. Sono sempre stata contraria a meccanismi invasivi di redditometro applicati alla gente comune''.

Il ritorno al Redditometro stoppato da Giorgia Meloni

Ora che il presidente del Consiglio intervenga, con il peso della sua carica e della sua centralità politica nel governo, ma ''dopo'' la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del decreto che sancisce il ritorno del Redditometro, è cosa su cui riflettere sui tempi di gestazione della misura e sul perché, una volta ufficializzata, essa sia stata sconfessata dal primo ministro. Che poi del provvedimento si sia appreso, al di fuori del ristretto cerchio di chi ha collaborato alla sua elaborazione e alla relativa redazione, solo a pubblicazione avvenuta è una cosa inusuale, che, pare, abbia fatto storcere il naso anche a più d'uno nella maggioranza.

Forse per questo Giorgia Meloni ha quasi dovuto spiegare che ''l'attuazione della delega fiscale, portata avanti in particolare dal Vice Ministro dell'Economia Leo, è fino ad ora andata nella direzione di migliorare il rapporto tra Stato e cittadino, tutelare i lavoratori onesti e contrastare la grande evasione, quella, per intenderci, dei sedicenti nullatenenti con ville, barca e supercar".
Ma, ha aggiunto il presidente del Consiglio, se occorrerà adottare dei cambiamenti, ''sarò io la prima a chiederli''.

''Continueremo in questa direzione, sempre dalla parte dei cittadini" - ha scritto -. "Sull'ultimo decreto recentemente varato dal Mef, che negli intendimenti delimita l'azione di verifica dell'amministrazione finanziaria, mi confronterò personalmente con il Vice Ministro Leo, al quale ho chiesto anche di venirne a riferire al prossimo Consiglio dei Ministri''. Quindi, a livello formale, nessun disconoscimento, ma una riflessione.
L'opposizione non ha perso molto tempo per fare sentire la sua voce. Come ha fatto senatore Antonio Misiani, del Pd. ''È una tempesta che si sono cucinati in casa, sono vittime della loro propaganda. Stanno raschiando il fondo del barile rimettendo in campo strumenti che hanno sempre contrastato''.
Notizie della stesso argomento
Trovati 5 record
21/06/2024
Il CdM approva la prima Legge italiana su Spazio e Space Economy
21/06/2024
Cronache dai Palazzi: la rissa in Parlamento barometro della immaturità politica del Paese
20/06/2024
La politica si fa in Parlamento, in strada si fanno solo chiacchiere
19/06/2024
La parabola calante dei Cinque Stelle, fenomenologia di un suicidio politico
17/06/2024
G7, alla fine né vincitori o vinti
Trovati 5 record
Il Magazine
Italia Informa n° 2 - Marzo/Aprile 2024
Newsletter
 
Iscriviti alla nostra Newsletter
Rimani aggiornato su novità
eventi e notizie dal mondo
 
Tutti gli Articoli
Cerca gli articoli nel sito:
 
 
Vedi tutti gli articoli