Usa: l'inflazione rallenta, ma Biden dice che il lavoro non è affatto finito

- di: Redazione
 
L'inflazione negli Stati Uniti, secondo i dati ufficiali comunicati ieri, ha registrato un rallentamento in luglio, alleggerendo la tensione sui bilanci delle famiglie. Gli aumenti dei prezzi sono diminuiti rispetto al ritmo quasi storico raggiunto a giugno, alimentando la speranza che l'inflazione abbia già toccato il suo picco. Secondo l'Ufficio nazionale di statistica, l'indice dei prezzi al consumo, o CPI, è aumentato dell'8,5% nell'ultimo anno a partire da luglio, registrando un netto rallentamento dal 9,1% di giugno. Su base mensile, l'indice dei prezzi al consumo nel mese di luglio per gli Usa è salito dell'1,3%, rimanendo invariato rispetto all'aumento di giugno.

Rallenta l'inflazione negli Usa, anche se Biden non è ancora soddisfatto

Mentre i costi di cibo e alloggio sono aumentati nell'ultimo mese, quelli legati alla benzina sono scesi del 7,7%.
I dati sono stati commentati favorevolmente, anche se con prudenza, dal presidente Biden, che ha detto le rilevazioni sull'inflazione hanno mostrato "alcuni segnali" che gli aumenti dei prezzi negli Stati Uniti potrebbero "iniziare a moderarsi".

Ma Biden ha detto anche che il lavoro per domare l'inflazione è " tutt'altro che finito" poiché le sfide globali derivanti dalla guerra in Ucraina, le interruzioni della catena di approvvigionamento e le chiusure dovute al Covid-19 in Asia potrebbero causare "ulteriori venti contrari nei prossimi mesi".
Un rallentamento del tasso di inflazione è emerso in parte perché il prezzo medio nazionale della benzina, che costituisce una parte fondamentale dell'indice dei prezzi al consumo, è diminuito per più di 50 giorni consecutivi. Nel frattempo, un rapporto del governo ha rivelato che le assunzioni a luglio hanno più che raddoppiato le aspettative degli economisti , sfidando gli sforzi della Fed per rallentare l'economia.

Il significativo aumento delle assunzioni del mese scorso - un aumento di 528.000 posti di lavoro e un calo del tasso di disoccupazione al 3,5% - è accompagnato da aumenti salariali elevati che potrebbero esercitare pressioni al rialzo sui prezzi al consumo. Gli aumenti salariali accresciuti corrispondono a uno schema che risale a mesi fa. Una misura attentamente osservata dei salari negli Stati Uniti, chiamata costo unitario del lavoro, è aumentata del 9,5% nel secondo trimestre di quest'anno, l'aumento più rapido di quella metrica dal primo trimestre del 1982, secondo i dati diffusi dal governo federale martedì.

Altri dati suggeriscono che i timori di inflazione sono diminuiti in modo significativo. Un sondaggio dalla Federal Reserve di New York ha mostrato che i consumatori si aspettano un rallentamento dell'inflazione. Le persone che hanno risposto al sondaggio di luglio hanno affermato di aspettarsi che l'inflazione durerà a un ritmo del 6,2% nel prossimo anno e del 3,2% per i prossimi tre anni, segnando un calo significativo rispetto alle aspettative di inflazione espresse dai consumatori nel mese precedente.
Il Magazine
Italia Informa n° 5 - Settembre/Ottobre 2022
Iscriviti alla Newsletter
 
Tutti gli Articoli
Cerca gli articoli nel sito:
 
 
Vedi tutti gli articoli