Aria nuova sotto i portici

- di: Stefania Assogna
 

Un nuovo, giovane e talentuoso chef propone la sua linea di cucina, venata di creatività e mediterraneità

 

Il Ristorante “i Portici”, inaugurato il 22 ottobre 2008 e insignito con la prestigiosa Stella Michelin, punta su una cucina di grande creatività e attenta alle materie prime di qualità, proposta dall’Executive chef Emanuele Petrosino. Sin da giovane coltiva la passione per la cucina prima apprendendo i segreti culinari di famiglia e poi scegliendo la professione di cuoco con incarichi di crescente responsabilità. La sua formazione si perfeziona con lunghi stage alla corte di grandi chef, prime fra tutte le esperienze nei ristoranti pluristellati al Coutanceau di La Rochelle (F) e al Piazza Duomo di Alba (CN). Nel 2019, Emanuele Petrosino ha confermato la Stella Michelin ed è stato insignito del premio Giovane Chef Michelin 2019.  Lo chef sa coniugare una innata creatività ad una tecnica di prim’ordine, unite a una profonda conoscenza degli ingredienti. I suoi piatti sono tavolozze di sapori, moderni ed irresistibili. L’equilibrio creato con gli abbinamenti esalta ogni singolo ingrediente, ma permette di godere anche dell’incredibile armonia complessiva. Quest’ultima è il risultato dell’incontro tra la freschezza e la vivacità della cucina mediterranea, e la solidità della tradizionale gastronomia emiliana.La ricchezza e l’ampiezza sensoriale della composizione sono le caratteristiche distintive della sua filosofia di cucina, che si fonda su un mix di ricerca, tecnica e valorizzazione delle materie prime. Il Ristorante I Portici Collocato all’interno del Teatro Eden (Via dell’Indipendenza 69, Bologna) , antico caffè chantant del 1899 e riportato agli antichi splendori grazie al recupero degli affreschi in stile Liberty, Il Ristorante I Portici è stato immaginato come un luogo esclusivo dove vivere un’esperienza enogastronomica unica. I dettagli scelti per valorizzare l’ambiente, come le candele ad olio, i cristalli, l’argenteria, la porcellana fine e i tessuti in lino, uniti ad un servizio impeccabile rendono unico questo luogo, giocato sulle tonalità del grigio e del bianco, in un continuo rincorrersi tra contemporaneo e romantico.Il ristorante propone un servizio ricco di attenzioni e cura per il cliente che sarà protagonista di un “viaggio sensoriale” dove gusto e vista verranno piacevolmente appagati. La Carta dei vini offre una selezione delle migliori etichette provenienti da Italia, Francia e Germania. Il ristorante, con 40 coperti, è aperto solo la sera e osserva, come giorni di chiusura, la domenica e il lunedì. 
Notizie della stesso argomento
Trovati 18 record
Pagina
1
19/07/2024
Saldi, finita l’euforia: +1,9% abbigliamento, +1,2% totale mercato
19/07/2024
AIGAB: "Solo il 2,4% delle case a Milano è messo a reddito con affitti brevi"
19/07/2024
Con Italo la solidarietà non va mai in vacanza
19/07/2024
Anas (Gruppo FS Italiane) per esodo estivo rimuoverà dal 27 luglio al 3 settembre 906 cant...
19/07/2024
Down informatico, CrowdStrike: “Trovata soluzione a problema che ha causato il crash”
19/07/2024
Giustizia: nuove ombre su Csm, la laica Natoli incontra giudice su cui indaga
Trovati 18 record
Pagina
1
Il Magazine
Italia Informa n° 3 - Maggio/Giugno 2024
Newsletter
 
Iscriviti alla nostra Newsletter
Rimani aggiornato su novità
eventi e notizie dal mondo
 
Tutti gli Articoli
Cerca gli articoli nel sito:
 
 
Vedi tutti gli articoli