Coldiretti: "Incassi estivi da oltre 20 miliardi di euro per la ristorazione"

- di: Daniele Minuti
 
In occasione della Giornata Mondiale del Turismo, celebrata il 27 settembre, la Coldiretti ha pubblicato il suo bilancio definitivo di fine stagione andando a calcolare i dati relativi all'intero settore nell'estate che si è appena conclusa.

Coldiretti: "Incassi estivi per la ristorazione superano i 20 miliardi di euro"

E per quanto riguarda il comparto dell'ospitalità e per quello della ristorazione, è stato registrato finalmente un dato incoraggiante con il primo segmento che ha visto un forte incremento e col secondo che ha messo a referto incassi per un valore che supera i 20 miliardi di euro, favorito anche dall'introduzione del green pass.

La Coldiretti, nella sua nota ufficiale, spiega che si tratta di una vera e propria "boccata d'ossigeno" per i 360.000 bar, ristoranti, locali, agriturismi del nostro Paese che va a riflettersi sull'intera filiera nonostante si parli di numeri inferiori a quelli precedenti allo scoppio della pandemia: a contribuire sono stati i 33,5 milioni di italiani che hanno scelto di andare in vacanza almeno per qualche giorno, permettendo alla mole di turisti di rimanere sostanzialmente invariata rispetto alla stessa stagione del 2020 (con un calo di un solo punto percentuale).

La svolta però è evidente con circa due italiani su tre partiti nelle vacanze 2020 che hanno preferito mangiare fuori casa, decisione generale che ha permetto di far ripartire un settore anche grazie all'estensione dell'uso del green pass che coinvolge 70.000 industrie alimentari e 740.000 aziende del segmento agricolo che garantiscono le forniture per un totale di 3,6 milioni di posti di lavoro.

"Tra gli svaghi preferiti dei turisti italiani questa estate" - spiega la nota di Coldiretti - "accanto ad arte, tradizione, relax e puro divertimento, dopo il lungo lockdown c’è la ricerca del cibo e il vino locali è diventata la prima voce del budget delle vacanze Made in Italy nel 2021 con circa 1/3 della spesa per consumi al ristorante, street food o per l’acquisto di souvenir. La spesa per persona è stata di 582 euro (-2%) ma si è accorciata anche del 10% rispetto allo scorso anno la durata del viaggio con una media di 9 giorni trascorsi lontano da casa e si è invece allungata la stagione anche perché molti hanno posticipato le partenze a causa delle incertezze".

  • Nessun record presente in archivio
Il Magazine
Italia Informa n°6 - Novembre/Dicembre 2022
Iscriviti alla Newsletter
 
Tutti gli Articoli
Cerca gli articoli nel sito:
 
 
Vedi tutti gli articoli