Gran Bretagna: la crisi energetica ''ucciderà'' migliaia di negozi di quartiere

- di: Redazione
 
In Gran Bretagna migliaia di negozi di quartiere e per piccole comunità saranno costretti a chiudere a causa dell'aumento dei costi energetici. A meno che, come chiede l'Association of Convenience Stores, il governo non intervenga con un sostegno di emergenza. L'Acs ha scritto al cancelliere dello Scacchiere, Nadhim Zahawi , dicendo che, senza il sostegno finanziario sollecitato, la maggior parte dei suoi aderenti cesseranno l'attività.
"Vedremo villaggi, complessi residenziali, quartieri e strade principali perdere i loro negozietti", si legge nella lettera.
L'associazione, che rappresenta 48.000 negozi locali che impiegano 405.000 dipendenti, ha affermato che le bollette energetiche sono aumentate a una media di 45.000 sterline per i negozi più piccoli, una cifra più che doppia di quella che i proprietari pagavano prima di rinnovare i contratti negli ultimi mesi.

Gran Bretagna: la crisi energetica mette a rischio i negozi

Collettivamente, ha affermato l'Association of Convenience Stores, i suoi membri stanno affrontando bollette energetiche per un valore di 2,5 miliardi di sterline e hanno bisogno di un pacchetto di supporto del valore di almeno 575 milioni di sterline per sopravvivere.
“Il governo deve capire che questa è un'emergenza. Migliaia di minimarket saranno costretti a prendere decisioni estremamente difficili di fronte a decine di migliaia di sterline di costi energetici aggiuntivi nei prossimi mesi, che nella migliore delle ipotesi includeranno investimenti cancellati, orari del personale ridotti e aumento dei prezzi nei negozi, che spingeranno al rialzo l'inflazione ancora di più", ha sottolineano l'Acs nella lettera a Zahawi. "Per alcuni, tuttavia, il costo dell'energia renderà l'attività impraticabile, e quindi saranno costretti a chiudere a meno che non vengano prese misure per fornire un supporto significativo".
Il pacchetto di salvataggio delineato da Acs includerebbe un tetto massimo di emergenza sui prezzi dell'elettricità per le piccole imprese e un congelamento di ulteriori aumenti delle tariffe aziendali.

''Non possiamo sopravvalutare l'urgenza della situazione affrontata dai nostri membri. Si tratta di aziende altamente resilienti che vendono un'ampia gamma di prodotti e servizi, adattandosi alle mutevoli esigenze delle loro comunità locali. Acs di solito non prevede chiusure su larga scala di minimarket, ma ora lo stiamo facendo seriamente", ha scritto nella lettera l'amministratore delegato dell'associazione, James Lowman.
Alle sollecitazioni dell'Acs ha risposto un portavoce del governo, sostenendo che l'esecutivo ha ''tagliato le tasse a centinaia di migliaia di aziende aumentando l'indennità di assunzione e riducendo drasticamente le tasse sul carburante. Abbiamo anche introdotto uno sconto del 50% sulle tariffe aziendali per le attività di vendita al dettaglio, ospitalità e tempo libero e abbiamo frenato gli aumenti delle bollette congelando il moltiplicatore delle tariffe aziendali, del valore di 4,6 miliardi di sterline nei prossimi cinque anni".
Il Magazine
Italia Informa n° 5 - Settembre/Ottobre 2022
Iscriviti alla Newsletter
 
Tutti gli Articoli
Cerca gli articoli nel sito:
 
 
Vedi tutti gli articoli