Tlc: rischio aumenti del 5% per i clienti di Tim e WindTre. Adiconsum: necessario un intervento immediato del governo

- di: Barbara Leone
 
Negli ultimi tempi Tim e WindTre, ovvero le aziende di comunicazioni con il maggior numero di utenti in Italia, hanno modificato le condizioni dei propri contratti rivendicando la possibilità di modificare (a partire dal 1° gennaio 2024) in qualsiasi momento le tariffe applicate ai loro servizi adeguandoli al tasso annuale di inflazione Istat, escludendo inoltre il diritto di recesso per gli utenti.

Tlc: rischio aumenti del 5% per i clienti di Tim e WindTre

Un atto che, secondo le Associazioni Adiconsum, Adoc, Cittadinanzattiva, Federconsumatori e Udicon si traduce in incrementi minimi fissi del 5%, anche in caso di tasso di inflazione inferiore a tale livello. Una decisione, affermano le Associazioni, del tutto arbitraria e a loro avviso vessatoria, che limita fortemente la libera scelta del consumatore di disdire senza costi il contratto. Tale pratica impone agli utenti, già vittime di rincari diffusi in tutti i settori, un’interpretazione arbitraria delle regole, che squilibra il mercato delle telecomunicazioni, provocando danni in tutto il comparto. Le Associazioni hanno manifestato il loro dissenso alle aziende coinvolte, che giustificano tale condotta con “la forte crisi che sta investendo il settore a causa di eccessivi costi infrastrutturali ed energetici, tale da mettere in serio rischio la sostenibilità economica delle stesse imprese”, a detta del management.

“Quello delle comunicazioni - sottolineano Adiconsum, Adoc, Cittadinanzattiva, Federconsumatori e Udicon - è un settore vitale per il Paese: riveste un ruolo strategico nello sviluppo, nella democrazia, nonché si configura come un servizio universale e quindi indispensabile per i cittadini/consumatori, per questo richiede un’attenzione particolare e scelte strategiche nell’interesse dell’intera collettività. Alla luce di tale situazione - aggiungono in conclusione le Associazioni - è necessario e urgente l’intervento del governo per garantire, nell’immediato, l’eliminazione delle condizioni contrattuali ingiustamente introdotte e, contestualmente, aprire un Tavolo tecnico con tutti gli attori del comparto delle Tlc, che coinvolga le Associazioni dei Consumatori, per individuare soluzioni che garantiscano un rilancio del settore senza che, a farne le spese, siano i cittadini attraverso ingiusti aumenti tariffari”.

Il Magazine
Italia Informa n°6 - Novembre/Dicembre 2023
Iscriviti alla Newsletter
 
Tutti gli Articoli
Cerca gli articoli nel sito:
 
 
Vedi tutti gli articoli