Cina: tornano i focolai di Covid e con loro le restrizioni, timori sull'economia

- di: Redazione
 
Tornano i timori sull'economia cinese perché i controlli e le misure antivirus che stanno confinando milioni di famiglie cinesi nelle loro case e chiudendo negozi e uffici alimentano le preoccupazioni per le già deboli imprese e al commercio globale. L'11 novembre, nelle stesse ore in cui annunciava anche misure a sostegno del settore immobiliare in crisi, il Partito Comunista cinese aveva promesso di allentare la rigida strategia "zero-Covid'', rendendo i controlli più flessibili. Ma l'ultima ondata di focolai sta spingendo le autorità delle principali città del Paese, tra cui la stessa capitale Pechino, a chiudere quartieri popolosi, imporre a negozi e uffici di non aprire e a ordinare alle fabbriche di isolare la propria forza lavoro dai contatti esterni.
Oggi il governo ha ufficializzato che, nelle ultime 24 ore, sono stati riscontrati 28.127 casi in aree di tutta la Cina, con la quasi totalità (25.902) di asintomatici.

Cina: tornano i focolai di Covid e con loro le restrizioni

Nonostante i numeri siano sempre più bassi rispetto a quello degli altri grandi Paesi, che stanno allentando le restrizioni e la durata e le regole delle quarantene, la Cina continua nella linea che impone l'isolamento di ogni caso. Di questo clima hanno risentito i mercati azionari globali che sono scesi nella giornata di ieri, anche per l'incertezza delle prossime mosse della Federal Reserve per il contrasto all'inflazione.

La Cina è il più grande commerciante del mondo e il primo mercato per i suoi vicini asiatici. La debolezza della domanda dei consumatori o delle fabbriche può danneggiare i produttori globali di petrolio e altre materie prime, chip per computer e altri componenti industriali, cibo e beni di consumo. Le restrizioni che ostacolano l'attività nei porti cinesi possono interrompere il commercio globale.

La crescita economica è rimbalzata al 3,9% rispetto alo stesso periodo dello scorso anno prima nei tre mesi terminati a settembre, rispetto al 2,2% del primo semestre. Ma l'attività stava già iniziando a ridursi.
La spesa al dettaglio è diminuita dello 0,5% rispetto all'anno precedente a ottobre, in calo rispetto alla crescita del 2,5% del mese precedente quando le città hanno reintrodotto i controlli antivirus. Le importazioni sono diminuite dello 0,3% in segno di domanda al consumo anemica, un'inversione rispetto all'aumento del 6,7% di settembre.

Le esportazioni cinesi sono diminuite dello 0,7% in ottobre dopo che la domanda dei consumatori americani ed europei è stata depressa da aumenti dei tassi di interesse insolitamente elevati da parte della Fed e di altre banche centrali per raffreddare l'inflazione che è ai massimi pluriennali.
Notizie della stesso argomento
Trovati 4 record
19/06/2024
Regno Unito, emergenza immigrazione: ieri arrivati oltre 800 clandestini, il massimo in 19...
19/06/2024
Regno Unito: scende l'inflazione, ma troppo tardi per salvare Sunak
18/06/2024
Usa, il direttore dell'Ufficio di salute pubblica: "Social dannosi come le sigarette"
18/06/2024
Regno Unito: le elezioni si avvicinano, ma la gente pensa soprattutto al costo della vita
Trovati 4 record
Il Magazine
Italia Informa n° 2 - Marzo/Aprile 2024
Newsletter
 
Iscriviti alla nostra Newsletter
Rimani aggiornato su novità
eventi e notizie dal mondo
 
Tutti gli Articoli
Cerca gli articoli nel sito:
 
 
Vedi tutti gli articoli