India: gli investimenti stranieri macinano record

- di: Redazione
 
I flussi di investimenti diretti esteri (IDE) in India, compresi gli utili reinvestiti, hanno raggiunto il record di 72,12 miliardi di dollari tra aprile 2020 e gennaio 2021, sebbene i nuovi investimenti azionari esteri nel gennaio 2021 siano diminuiti drasticamente a 2,71 miliardi di dollari da 7,62 miliardi nel dicembre 2020.

Il Giappone ha rappresentato il 29% dei flussi azionari totali di IDE a gennaio, seguito da Singapore e dagli Stati Uniti, con i servizi di consulenza che hanno ottenuto la quota maggiore di investimenti (21,8%) nel mese, seguito da software e hardware per computer (quasi il 16%) e settore dei servizi (13,6%).

"Le tendenze mostrano che l'afflusso di investimenti diretti esteri è cresciuto del 28% nei primi 10 mesi dell'anno finanziario 2020-21 a 54,18 miliardi di dollari rispetto allo stesso periodo di un anno fa, quando era di 42,34 miliardi di dollari"
, si legge in una nota, diramata oggi dal ministero del Commercio e dell'Industria, che definisce le tendenze "un'approvazione del suo status di destinazione di investimento preferita" per gli investitori globali. Gli afflussi complessivi di IDE sono stati superiori del 15% su base annua.

Quasi il 62% degli investimenti azionari totali nel 2020-21 proveniva da Singapore, dagli Stati Uniti e dagli Emirati Arabi Uniti, con l'industria del software e dell'hardware per computer che ha ricevuto quasi il 46% dei nuovi investimenti. Le attività di costruzione (infrastrutture) hanno raccolto il 13,37% degli afflussi di IDE azionari, seguita dal settore dei servizi con il 7,8% degli investimenti azionari esteri.
Il Magazine
Italia Informa - N°2 Marzo-Aprile 2021
Iscriviti alla Newsletter
 
Le ultime Notizie