La messaggistica anonima una pistola alla tempia degli adolescenti americani

- di: Redazione
 
Si chiamava Carson Bride, aveva 16 anni, abitava in Oregon, a Portland. Si è ucciso perché non ha potuto scoprire chi c'era dietro ai messaggi oltraggiosi che, da mesi, utilizzando una applicazione - si chiama Yolo - del social Snapchat, arrivavano sul suo telefono. La madre si è rivolta ad un giudice californiano (perché è in quello Stato che Snapchat ha la sua sede legale) perché ritiene il social media direttamente responsabile della morte di Carson.
I messaggi sono stati inviati da qualcuno che conosceva direttamente il ragazzo, perché - anche con riferimenti sessuali - riguardavo episodi accaduti in ambiente familiare o scolastico, come uno svenimento di cui fu vittima durante una lezione.

Carson ha cercato di capire chi ci fosse dietro quella sistematica persecuzione, ma l'architettura dell'applicazione glielo ha impedito perché, se avesse risposto alle provocazioni, Yolo avrebbe automaticamente reso pubblico il messaggio originale, rivelando la sua umiliazione al mondo.
Il suo cadavere è stato scoperto dalla famiglia il 23 giugno dello scorso anno.
Nella cronologia del suo cellulare è stato trovato, come ultimo contatto telefonico raggiunto, quello che appare come il suo disperato grido di aiuto indirizzato al social: "Reveal YOLO Username Online", rivela il nome utente Yolo online.

La madre del ragazzo, Kristin Bride, ha cominciato una battaglia legale contro Snapchat, Yolo e LMK, un'altra app di messaggistica anonima creata per Snapchat che l'adolescente ha utilizzato prima di morire. Secondo la denuncia, le società avrebbero violato la legge sulla protezione dei consumatori non rispettando i propri termini di servizio e le proprie politiche e che le app di messaggistica anonime facilitano il bullismo, al punto che dovrebbero essere considerate prodotti pericolosi.
La causa è stata incardinata ieri davanti ad un tribunale federale nel distretto settentrionale della California, con l'obiettivo di raccogliere quante più adesioni possibili nell'immensa platea degli utenti americani di Snapchat (93 milioni, ovvero il 90% di tutti gli americani di età compresa tra 13 e 24 anni), insieme a quelli di Yolo (dieci milioni) e e di LMK (un milione).
Con Kristin Bride partecipa all'azione giudiziaria anche la Tyler Clementi Foundation, un'organizzazione no profit contro il bullismo, istituita dalla famiglia di Tyler Clementi, che si suicidò nel 2010, a 18 anni, dopo avere subito delle molestie informatiche da un collega della Rutgers University.
Le aziende coinvolte non hanno voluto commentare il contenuto della denuncia.

Obiettivo immediato della causa è il bando immediato di Yolo e LMK dalla piattaforma di Snap, insieme ad altre app che, ad avviso della madre di Carson Bride, non sono riuscite a stabilire misure di salvaguardia contro il cyberbullismo.
"Gli studenti delle scuole superiori che in modo anonimo hanno fatto cyberbullismo a Carson vivranno con questa tragedia per il resto della loro vita", ha detto Kristin Bride, in una dichiarazione affidata ai suoi legali, "Tuttavia" - ha aggiunto la donna - "sono i dirigenti di Snapchat, Yolo e LMK che investono sconsideratamente profitti sulla salute mentale dei giovani che alla fine devono essere ritenuti responsabili".

A detta degli esperti, l'iniziativa della famiglia Bride ha poche possibilità di successo, perché, ad oggi, coloro che hanno tentato di citare in giudizio le società di social media per le parole e le azioni dei loro utenti non hanno ottenuto risultati positivi. Alla base delle archiviazioni di cui le aziende denunciate hanno goduto c'è il Communications Decency Act del 1996, che afferma che nessun "servizio informatico interattivo" può essere ritenuto responsabile per le informazioni pubblicate da un utente su quel servizio.
Ma forse, dicono ora in America, è giunto il momento di rivedere questa cornice giuridica.
Ma i cambiamenti nel panorama giuridico e una nuova argomentazione giuridica possono contraddistinguere questo caso.

In una sentenza della scorsa settimana, il nono circuito delle corti d'appello ha ammesso la possibilità che le società di social media - e Snapchat in particolare - possono essere ritenute responsabili della creazione o dell'abilitazione di funzionalità che sono chiaramente pericolose per i propri utenti.
Kristin Bride e la Fondazione Tyler Clementi sostengono che funzionalità di messaggistica anonima come Yolo e LMK presentano un rischio irragionevole di danno. Per sostenere questo argomento, la causa punta a più generazioni di app di messaggistica anonime destinate a utenti adolescenti che sono sparite negli ultimi anni, dopo la scoperta di abusi e molestie di cui erano in qualche modo corresponsabili.
La causa cita una ricerca che collega le molestie anonime e il suicidio degli adolescenti per sostenere questo argomento, incluso uno studio del 2007 che ha rilevato che gli studenti che subiscono bullismo, online o nella vita reale, hanno quasi il doppio delle probabilità di tentare il suicidio. Uno studio successivo nel 2014 ha scoperto che il cyberbullismo può essere ancora più pericoloso , triplicando il rischio di pensieri suicidari.
Tags: esteri, usa
Il Magazine
Italia Informa - N°2 Marzo-Aprile 2021
Iscriviti alla Newsletter
 
Le ultime Notizie