Regno Unito: protesta delle compagnie aeree per il piano governativo di ripartenza del turismo

- di: Brian Green
 
La filiera del turismo in tutto il mondo freme per poter ripartire dopo l'avvio della campagna di vaccinazioni, con la speranza che in estate la mobilità dei viaggiatori di tutto il mondo sia più libera grazie all'aumento delle immunizzazioni.
Anche una nazione molto avanti con la campagna come il Regno  Unito però ha i suoi problemi: Boris Johnson ha parlato del piano per la riapertura del turismo internazionale che rimarrà di fatto in stand-by fino alla metà di maggio per comprendere in maniera più precisa l'evoluzione della pandemia al di fuori del territorio britannico.

Il progetto presenta la divisione in tre zone (verdi, ambra, rosse) delle destinazioni che dipendono dalla percentuale di popolazione vaccinata, i dati del contagio, la prevalenza di varianti nel territorio e l'accesso di questi paesi a dati scientifici affidabili: chi arriva dalle prime dovrà fornire un test negativo fatto entro due giorni dall'arrivo senza dover fare quarantena; chi proviene dalle seconde dovrà invece rimanere in isolamento per 10 giorni venendo testato due volte (il secondo e l'ottavo giorno) mentre chi arriva dalla rossa starà in isolamento in un albergo specificamente designato e sarà testato con la stessa frequenza.

Il ministro dei trasporti Grant Shapps ha dichiarato ai microfoni della BBC che il Governo potrebbe riconsiderare il tipo di test necessario, per evitare che chiunque rientri da un Paese estero debba pagare di tasca sua il costo dei tamponi ma nulla è stato deciso.
L'incertezza sui tempi e la laboriosità dei dati da presentare non hanno fatto contente le compagnie aeree, come spiegato da un comunicato di Airlines UK che rappresenta le realtà più importanti del settore come British Airways, EasyJet, Ryanair, Virgin Atlantic: "Questo piano non è la riapertura dei viaggi che i ministri ci avevano promesso: questa è una nuova battuta d'arresto per un settore che è sempre più in ginocchio".
Il Magazine
Italia Informa - N°2 Marzo-Aprile 2021
Iscriviti alla Newsletter
 
Le ultime Notizie