La Russia taglia ancora il gas verso l'Europa, facendone un mezzo di pressione politica

- di: Redazione
 
Gazprom, l'azienda energetica russa controllata dal potere politico, ha annunciato oggi di avere dimezzato la quantità di gas naturale che scorreva attraverso il Nord Stream 1 dalla Russia all'Europa, portandola al 20% della capacità. È solo l'ultima riduzione nell'erogazione di gas, che la Russia ha attribuito a problemi tecnici. Ma l'annuncio è stato bollato dalla Germania - fortemente dipendente da gas russo - come una mossa politica per seminare incertezza e aumentare i prezzi durante la guerra in Ucraina.

La Russia taglia ancora il gas verso l'Europa

Il gigante dell'energia aveva annunciato lunedì che avrebbe ridotto i flussi sul gasdotto Nord Stream 1 che corre verso la Germania a causa delle riparazioni delle apparecchiature, sollevando nuovi timori che la Russia possa interrompere completamente il gas utilizzato in Europa per alimentare l'industria, generare elettricità e riscaldare le case. Confermando la notizia, in base ai dati di rete di Nord Stream, il capo del regolatore tedesco, Klaus Mueller, ha detto che ''il gas fa ora parte della politica estera russa e forse della strategia di guerra''.

I prezzi del gas naturale sono quasi sei volte superiori rispetto a un anno fa. L'impennata dei prezzi dell'energia sta alimentando un'inflazione record, schiacciando il potere di spesa delle persone e accrescendo le preoccupazioni che l'Europa possa precipitare in recessione se non risparmia abbastanza gas per superare i mesi freddi.

Questa paura ha portato i governi dell'UE martedì ad accettare di ridurre l'uso di gas naturale per proteggersi da ulteriori tagli alle forniture russe.
Il disegno di legge mira a ridurre la domanda di gas del 15% da agosto a marzo con misure volontarie. Se non ci sono abbastanza risparmi, si attiverebbero tagli obbligatori nel blocco dei 27.
Anche se la Russia addebita la riduzione della quantità del gas a motivi tecnici (manutenzione e mancata riattivazione di una turbina), esponenti politici e analisti affermano che il taglio è un pretesto per cercare di dividere i Paesi dell'UE e aumentare i prezzi.
Il Magazine
Italia Informa n° 5 - Settembre/Ottobre 2022
Iscriviti alla Newsletter
 
Tutti gli Articoli
Cerca gli articoli nel sito:
 
 
Vedi tutti gli articoli