Le ricette degli altri: Siria, la moneta va a picco e Assad raddoppia stipendi e pensioni del settore pubblico

- di: Diego Minuti
 
Mentre la valuta nazionale, la sterlina siriana, va a picco nel rapporto - ai minimi dell'anno - con il dollaro, il presidente Bashar al-Assad ha raddoppiato, per decreto, i salari e le pensioni del settore pubblico. Il valore della sterlina siriana rispetto al dollaro statunitense ha toccato il nuovo minimo storico, scendendo da 7.000 all'inizio del 2023 a 15.000 sterline per un biglietto verde. All’inizio del conflitto nel 2011 il dollaro veniva scambiato a 47 sterline. Da più di un anno Damasco sta ristrutturando il suo programma di sussidi per la benzina, per il gasolio per il riscaldamento e per il pane. Quando, a febbraio, era stato lanciata la ristrutturazione, il primo ministro Hussein Arnous aveva affermato che la riduzione dei sussidi per il carburante avrebbe consentito al programma di concentrarsi più efficacemente sulle famiglie più povere e di ridurre il deficit dello Stato siriano.

Assad raddoppia stipendi e pensioni del settore pubblico

"L'economia nazionale è in un chiaro stato di instabilità, in particolare un rapido aumento del tasso di cambio", ha detto Arnous al parlamento siriano in un discorso alla fine del mese scorso, avvertendo che il finanziamento della spesa pubblica attraverso il debito e il prestito dalla banca centrale non è sostenibile. .L’ultimo aumento salariale della Siria era avvenuto nel dicembre 2021, quando Assad ha aumentato gli stipendi del settore pubblico del 30%. L’aumento dei salari potrebbe essere un sollievo immediato per i siriani, ma sarebbe nella migliore delle ipotesi temporaneo poiché la situazione economica continua a peggiorare, alimentando l'inflazione e quindi peggiorando il continuo deprezzamento della valuta siriana. L’Osservatorio siriano per i diritti umani, un gruppo di monitoraggio della guerra legato all’opposizione con sede in Gran Bretagna, ha affermato che poche ore dopo l’emanazione del decreto, i prezzi del carburante e dei prodotti agricoli sono aumentati, mentre cresce in modo esponenziale il malcontento per la situazione economica.

La valuta siriana si sta deprezzando dal 2019, aggravando la sua debolezza anche per il  tracollo economico del vicino Libano e per la pandemia.  Tuttavia, il recente aumento dei salari e il massiccio pagamento del governo al raccolto di grano di quest'estate hanno aumentato la quantità di denaro circolante nel mercato. La Siria è teatro di una guerra civile, giunta al suo tredicesimo anno, con le sanzioni imposte dall’Occidente che hanno paralizzato l’economia del Paese, aggredita, oltre che dalle conseguenze del devastante terremoto di febbraio, anche dalla corruzione dilagante e dalla cattiva gestione dei fondi pubblici. Secondo un rapporto delle Nazioni Unite,  la quasi totalità dei siriani che abitano nelle aree controllate dal governo vivono in un stato di indigenza.
Il Magazine
Italia Informa n°6 - Novembre/Dicembre 2023
Iscriviti alla Newsletter
 
Tutti gli Articoli
Cerca gli articoli nel sito:
 
 
Vedi tutti gli articoli