Chip: Usa, le restrizioni all'export in Cina deprimono i titoli dei produttori

- di: Redazione
 
I grandi produttori di chip statunitensi hanno visto, ieri, crollare le loro azioni dopo che il governo ha annunciato un nuovo giro di vite sulle esportazioni di microprocessori di intelligenza artificiale verso la Cina.

Chip: Usa, le restrizioni all'export in Cina deprimono i titoli dei produttori

Le azioni dei titoli hanno registrato un boom nell’ultimo anno a causa dell’aumento della domanda di prodotti e servizi di intelligenza artificiale, alimentati dai chip di intelligenza artificiale. Le nuove restrizioni sulle esportazioni verso la Cina alzano il livello delle restrizioni annunciate in precedenza per questo settore. Nvidia ha chiuso in calo del 4,7%, eBroadcom del 2%.

Le nuove restrizioni vietano, in particolare, la vendita delle versioni rallentate dei chip Nvidia, H800 e A800, che con le vecchie restrizioni potevano essere esportate in Cina.
Parlando con i giornalisti, in una conferenza telefonica, il ministro del Commercio, Gina Raimondo, ha detto che ''gli aggiornamenti sono specificamente progettati per controllare l’accesso alla potenza di calcolo, che rallenterà in modo significativo lo sviluppo da parte della Repubblica popolare della Cina del modello di frontiera di prossima generazione, e potrebbero essere sfruttati in modi che minacciano gli Stati Uniti e i nostri alleati, soprattutto perché potrebbero essere utilizzati per scopi militari. e modernizzazione''.
Notizie della stesso argomento
Trovati 3 record
15/07/2024
Cina: immobiliare, crollano i prezzi delle case di nuova costruzione
15/07/2024
Trump è già a Milwaukee per celebrare il suo trionfo, politico e mediatico
09/07/2024
La Francia rimescola le carte, in casa propria e in Europa
Trovati 3 record
Il Magazine
Italia Informa n° 3 - Maggio/Giugno 2024
Newsletter
 
Iscriviti alla nostra Newsletter
Rimani aggiornato su novità
eventi e notizie dal mondo
 
Tutti gli Articoli
Cerca gli articoli nel sito:
 
 
Vedi tutti gli articoli