Foodseed, nasce a Verona con oltre 15 milioni di investimenti l'acceleratore per startup e foodtech e agritech

- di: Barbara Bizzarri
 

Un’iniziativa congiunta di Cdp Venture Capital, attraverso il Fondo Acceleratori, Fondazione Cariverona e UniCredit fa nascere a Verona, con una dotazione di oltre 15 milioni di euro di cui 12 stanziati da Cdp Venture Capital, Fondazione Cariverona e UniCredit e 3,24 di Eatable Adventures, FoodSeed, acceleratore per startup che sviluppano nuove soluzioni o servizi per il mercato FoodTech e AgriTech, su iniziativa della Rete Nazionale Acceleratori Cdp, il network che ha l’obiettivo di promuovere e sostenere la crescita di giovani imprese specializzate nei mercati ad elevato potenziale.

Foodseed, nasce a Verona con oltre 15 milioni di investimenti l'acceleratore per startup e foodtech e agritech

Remo Taricani, Deputy Head di UniCredit Italia, ha dichiarato che "l'agrifood italiano rappresenta un'eccellenza mondiale, sia per qualità che per volumi, nonché un comparto fondamentale dell'economia del nostro Paese. Le nuove tecnologie aprono nuovi interessanti scenari anche in questo settore, spesso percepito come strutturalmente poco propenso all'innovazione: gli ultimi dati disponibili dicono che l'Agricoltura 4.0 nel 2021 valeva circa 1,6 miliardi di euro in Italia e che le superfici agricole gestite in quest'ottica, attualmente pari al 6% del totale nazionale, sono in costante crescita. Il progetto FoodSeed, frutto della preziosa collaborazione tra UniCredit, CDP e Fondazione Cariverona, mira a sostenere concretamente, con un investimento rilevante, quell'innovazione dal basso, promossa dalle start up, che riteniamo decisiva per permettere agli operatori del settore di cogliere appieno le numerose opportunità legate a questo trend innovativo. Confermiamo così il nostro ruolo di Banca fortemente attenta al territorio, alle sue dinamiche e alle sue eccellenze, peraltro in un'area, quella di Verona, caratterizzata da un ecosistema votato all'open innovation".

Francesca Bria, Presidente di CDP Venture Capital aggiunge: "In Europa gli investimenti venture capital in agritech e foodtech hanno sfiorato i 10 miliardi nel 2021 con round medi che superano il milione di euro, "Questa espansione è legata in gran parte alle sfide che stiamo vivendo che ci spingono ad innovare in maniera sostenibile il sistema alimentare e agricolo: dai cambiamenti climatici, alla gestione degli sprechi e dei rifiuti della catena alimentare, alla perdita della biodiversità fino alle nuove patologie legate all'alimentazione sono solo alcuni dei problemi che l'innovazione e la tecnologia possono aiutarci ad affrontare. Per questo investire in startup che lavorano su soluzioni trasformative è fondamentale in un Paese come l'Italia dove l'agroalimentare è tradizionalmente uno dei punti di forza dell'economia".

L’iniziativa coinvolge anche Eatable Adventures, uno dei maggiori acceleratori specializzati a livello mondiale nel settore, in qualità di co-investitore e gestore operativo del programma: "Ritengo che il sistema agroalimentare italiano abbia davanti a sé una grande opportunità accelerando sull'innovazione per confermare la propria leadership a livello internazionale, basata sull'eccellenza dei propri prodotti - commenta Riccardo Fisogni, Vice President e General Manager Italy di Eatable Adventures -. Sono convinto che Eatable Adventures, con il supporto dei partner che hanno voluto e promosso FoodSeed, possa fare da abilitatore di questo percorso mettendo a disposizione del Paese l'esperienza maturata a livello internazionale nell'ambito della trasformazione dell'industria agroalimentare".

Foodseed avrà inoltre il sostegno dei corporate partners Axxelera, Amadori, Cattolica Assicurazioni (Gruppo Generali), Veronafiere e Università di Verona in qualità di partner scientifico, e favorirà e garantirà l’implementazione e lo sviluppo delle società che operano nell’Agrifood Tech, il cui mercato nel 2022 ha raccolto 149 milioni di investimenti, posizionandosi al terzo posto per ammontare di capitali investiti. Il programma selezionerà ogni anno, per tre anni, fino a 10 start up italiane o internazionali che intendano aprire una sede sul mercato locale, in fase seed e pre-seed e che lavorano su nuovi approcci e servizi per l’automazione dei processi produttivi, i nuovi ingredienti, i nuovi modi di realizzare un’agricoltura sostenibile, innovativi modelli di vendita digitale e packaging. Le startup selezionate avranno accesso a un ticket pre-seed di 170mila euro con possibilità di follow on fino a 500 mila euro e prenderanno parte a un programma di accelerazione della durata di sei mesi, finalizzato a validare prodotti e modelli di business per sostenere il go-to-market. La call per la selezione delle startup del primo programma di accelerazione FoodSeed, che partirà a maggio 2023, è aperta fino a 16 aprile al sito foodseed.it. 

Filippo Manfredi, Direttore Generale di Fondazione Cariverona sottolinea: "L'acceleratore FoodSeed è emblematico di un approccio di Fondazione Cariverona volto allo sviluppo del potenziale del territorio e intende essere la base per la crescita di nuove partnership tecnologiche. Fondazione Cariverona ha supportato e facilitato la nascita di questo progetto che guarda al futuro, innescando un percorso virtuoso volto a valorizzare il complesso ecosistema dell'agrifood, chiamato a confrontarsi con competitor internazionali per l'innovazione di prodotto e la sostenibilità di processo."

Il Magazine
Italia Informa n°6 - Novembre/Dicembre 2023
Iscriviti alla Newsletter
 
Tutti gli Articoli
Cerca gli articoli nel sito:
 
 
Vedi tutti gli articoli