Gran Bretagna: BT cede agli scioperi, per dipendenti aumenti del 16% dal 2023

- di: Redazione
 
Pur di fermare l'ondata di scioperi, che vanno avanti ormai da molte settimane, BT, il gigante britannico delle telecomunicazioni, ha accordato aumenti fino al 16 per cento ai suoi dipendenti, soprattutto a quelli che hanno retribuzioni di 50 mila o meno sterline all'anno. Per loro, a partire dal 2023, è previsto un aumento di 1.500 sterline.
L'accordo è stato accolto con comprensibile soddisfazione dalle rappresentanze sindacali che ne hanno raccomandato l'approvazione quando il testo sarà votato dai dipendenti del gruppo di telecomunicazioni,
BT, nello stesso comunicato in cui ha dato notizia dell'intesa, ha precisato che l'85 per cento del suo personale che lavora nel Regno Unito potrebbe beneficiare dell'aumento. Se l'accordo avrà la maggioranza, finiranno gli scioperi che hanno rischiato di mettere in ginocchio il gruppo.

BT cede agli scioperi, per dipendenti aumenti del 16% dal 2023

Combinandosi con un aumento salariale effettuato ad aprile, quello totale per i dipendenti oggi meno pagati di BT sarà superiore al 15% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Secondo i calcoli della Communication Workers Union (CWU), l'accordo significherebbe aumenti salariali che vanno dal 6% al 16% per i lavoratori di diversi gradi. Dave Ward, segretario generale della CWU, ha affermato che l'accordo salariale "non sarebbe avvenuto" senza gli scioperi di migliaia di lavoratori del gruppo BT durante l'estate.

"Il coraggio mostrato da questi lavoratori ha catturato la simpatia del Paese e ha scioccato l'azienda dal suo compiacimento"
, ha aggiunto l'esponente sindacale. Gli aumenti salariali, ha precisato BT, riguardano tutto il personale in prima linea e il 51% dei dirigenti nel Regno Unito, comprendendo anche i dipendenti di Openreach. L'accordo arriva dopo mesi di durissima contrapposizione tra azienda e sindacati, con migliaia di lavoratori che hanno rinunciato alla paga in quello che è stato il il primo sciopero nazionale nel settore delle telecomunicazioni dal 1987. I lavoratori delle telecomunicazioni sono solo un esempio di come nel Regno Unito molte categorie - come i ferrovieri e il personale della Royal Mail, il servizio postale pubblico - hanno fatto la scelta dello sciopero per sostenere le loro rivendicazioni salariali, che si sono fatte più pressanti con l'aumento dei prezzi, soprattutto dei generi alimentari ed energetici.

L'inflazione nel Regno Unito è attualmente dell'11,1% e la maggior parte dei sindacati ha chiesto aumenti salariali in linea con l'aumento del costo della vita. Philip Jansen, amministratore delegato di BT, ha affermato che la società collaborerà ora con i sindacati per "appoggiarsi alle opportunità e alle sfide che il futuro porterà, in particolare i nostri piani di trasformazione e la realizzazione dei risparmi sui costi di 3 miliardi di sterline" entro la fine dell'anno finanziario 2025.
Il Magazine
Italia Informa n°6 - Novembre/Dicembre 2022
Iscriviti alla Newsletter
 
Tutti gli Articoli
Cerca gli articoli nel sito:
 
 
Vedi tutti gli articoli