Terremoto nel mondo del calcio: 12 top club fondano la Super League

- di: Daniele Minuti
 
Il 19 aprile del 2021 rischia di diventare una data storica per l'intero movimento calcistico: dodici top club europei (Arsenal, Atletico Madrid, Barcellona, Chelsea, Inter, Juventus, Liverpool, Manchester City, Manchester United, Milan, Real Madrid e Tottenham) hanno annunciato di aver sottoscritto un accordo che segna la nascita di una Lega chiamata "Super League".

Le prime avvisaglie del progetto di cui si discuteva da anni sono arrivate la mattina con l'Equipe e il New York Times che hanno rilanciato il rumor di un annuncio imminente di questa intesa, con Florentino Perez (presidente del Real Madrid) che prenderà il ruolo di presidente della nuova Lega, supportato dai due vicepresidenti Andrea Agnelli (presidente della Juventus) e Joel Glazer (patron del Manchester United).

Tutti i club hanno rilasciato un comunicato ufficiale poco dopo la mezzanotte, annunciando la nascita di questa nuova competizione in qualità di "società fondatrici" che avranno accesso automatico ad essa. Altre tre squadre dovrebbero aderire sempre in veste di fondatori (Bayern Monaco, Paris Saint-Germain e probabilmente Lipsia) mentre altre cinque si qualificheranno annualmente in base ai risultati sportivi.

I dettagli per ora scarseggiano, a parte la composizione del torneo (due gironi da 10 squadre con partite di andata e ritorno, seguiti da una fase a eliminazione diretta) ma a far discutere è la decisione di questi club di dichiarare di fatto guerra a UEFA e FIFA.

Entrambe le federazioni hanno infatti reagito con forza a questa presa di posizione, con la FIFA che ha comunicato la sua disapprovazione per "una Lega separatista e chiusa, che si colloca al di fuori di ogni struttura calcistica internazionale senza rispettare i principi fondamentali di integrità, inclusività, solidarietà e distribuzione equa delle finanze". Arrivano già le prime minacce dagli enti internazionali, con le squadre protagoniste dello scisma che rischiano l'esclusione dai campionati nazionali.

Ma c'è comunque ancora tanta confusione, con i comunicati ufficiali delle squadre che chiariscano come i club fondatori siano pronti anche ad agire per vie legali. Il motivo di tutto questo teatro? Soldi, naturalmente, dato che la nuova Super League dovrebbe muovere una quantità di denaro incredibile: stando a quanto raccolto da Sky Sports, la banca americana JP Morgan è pronta a impegnare 5 miliardi di euro in questo progetto. E non si è ancora battuto il primo calcio d'inizio.
  • Nessun record presente in archivio
Il Magazine
Italia Informa n°6 - Novembre/Dicembre 2022
Iscriviti alla Newsletter
 
Tutti gli Articoli
Cerca gli articoli nel sito:
 
 
Vedi tutti gli articoli