Arriva “Invisibili”, il documentario sugli effetti avversi del vaccino anticovid19

- di: Barbara Bizzarri
 

Un film racconta e denuncia i drammi e le tragedie delle vittime delle reazioni avverse da vaccino e ne diventa la voce, sostenuta e amplificata dal Comitato Ascoltami!, che conta oltre 3000 iscritti e si propone di tutelare i diritti di coloro che, a seguito della somministrazione del vaccino Anticovid19, hanno subìto conseguenze gravissime, spesso letali. Per questi italiani dimenticati si chiedono cure, verità, giustizia e, soprattutto, unione contro la divisione sociale provocata ad hoc. Il Comitato è anche molto attivo sui social e ogni settimana le interazioni sono da 60.000 a 120.000 circa. “Invisibili” raccoglie le testimonianze di chi ha visto la sua vita cambiare all’improvviso e restituisce sullo schermo la sensazione di impotenza e dolore suscitata dalla consapevolezza di essere in un corpo che si stenta a riconoscere: “In quei mesi ero come morto. Mi sono chiuso in casa”.  “Con la prima paralisi riuscivo ancora a scrivere, dopo è stato come se avessi perso i movimenti: do l’impulso e il mio corpo non risponde”. “Io ho perenni fitte al petto e sul fianco; facevo trekking, oggi non riesco nemmeno a correre o a portare la borsa della spesa”. “Prego Dio che ci aiuti a guarire da questo vaccino. Solo Dio sa quello che è accaduto veramente”. Sono soltanto alcune delle “voci” rese visibili dalla pellicola più attesa del 2023 per la regia del pluripremiato Paolo Cassina, specializzato in documentari e inchieste giornalistiche, vincitore nel 2014 del Premio Ilaria Alpi e nel 2017 del Premio Guido Vergani, da sempre attento alle tematiche sociali e a dare voce alle persone che hanno poche possibilità di essere ascoltate; con la collaborazione di Alessandro Amori e le musiche di Nicola Bottos.

‘Invisibili’ è stato prodotto da Playmastermoviefondata nel 2016 Alessandro Amori, che considera l’opera un bene collettivo e dunque la offre, a titolo gratuito, a tutte le entità che ne fanno richiesta per la fruizione via internet, televisiva e con proiezioni pubbliche. Anche se, spesso, organizzare la visione pubblica della pellicola si rivela più complicato del previsto, a causa di censure e critiche da parte delle istituzioni, ogni proiezione riempie le sale nonostante le difficoltà, segno tangibile della reale necessità di capire e indagare quanto accaduto: a Verona erano in 400, e 200 persone sono rimaste in lista d’attesa, senza contare le altre 100 fuori dal cinema; a Poggibonsi sala piena; a Rovato sala piena, a Modena sala piena, con ancora 200 persone; a Empoli e ovunque si è svolta, la proiezione è andata sold out. 

 “Abbiamo ancora circa 32 proiezioni in programma da fare – rende noto l’associazione Ascoltami! -  e riceviamo di continuo una pioggia di richieste”.

La prossima proiezione è prevista a Garbagnate Milanese, presso il Cinema Teatro Italia, il 9 febbraio alle 20.30. Seguirà un dibattito a cui parteciperanno il dottor Alberto Donzelli, del Coordinamento Comitato medico scientifico Indipendente, il dottor Mauro Mantovani, bioimmunologo, l’avvocato Valeria Panetta, le giornaliste Raffaella Regoli e Marianna Canè, e lo stesso regista del film Paolo Cassina. A moderare gli interventi, la psicologa e psicoterapeuta Giada Maslovaric. La sala è da 440 posti e sono già state raccolte decine di prenotazioni. Per partecipare, è possibile inviare una email all’indirizzo:adesione.invisibili@proton.me, mentre ulteriori informazioni sull’iniziativa sono disponibili sui siti

www.comitatoascoltami.it www.playmastermovie.com.

Il progetto è reso possibile da Playmastermovie ed è promosso dal Comitato Ascoltami!, su richiesta di Associazioni locali e cittadini sensibili alla tematica.

“Il Comitato Ascoltami! è nato perché nessuno possa più girarsi dall’altra parte di fronte a un essere umano che soffre, aldilà di ogni ideologia e divisione sociale - spiega la presidente Federica Angelini, maestra elementare di Verona, vaccinata a marzo 2021 e da subito vittima di una reazione avversa - I valori dichiarati sono CuraVerità e Giustizia attraverso l’unione di persone vaccinate e non vaccinate, danneggiate e non danneggiate. Lo slogan è infatti “Reazioni avverse. Uniti per guarire”. Si è formato per volontà di un gruppo di persone vaccinate che hanno subito danni gravi dopo il vaccino e si sono ritrovate ignorate e denegate dalle istituzioni, in un profondo senso di sgomento e disperazione. Ci siamo incontrati sui social e abbiamo capito di essere in tanti, così abbiamo pensato di stabilire un contatto per scambiarci informazioni. Lo scopo del Comitato è senza fini di lucro, non diamo consigli, vogliamo informare, mettere in relazione persone, sensibilizzare società e istituzioni, la comunità scientifica, tutto per arrivare ad avere delle diagnosi e delle cure. Nessuno deve sentirsi mai più abbandonato”.

Ci si augura che ciò accada davvero, soprattutto tenendo conto che, come testimoniato dal docufilm, mentre per migliaia di persone l’inoculazione del vaccino si è trasformata in un incubo, Pfizer, la maggiore produttrice del farmaco, ha chiuso il 2022 con ricavi record per 100,33 miliardi di dollari, in crescita del 23%, chiarendo così, qualora sussistessero ancora dei dubbi, quanto la pandemia abbia arricchito i gruppi farmaceutici la cui fortuna, grazie al Covid, è destinata a salire ancora: per l'anno in corso, il colosso statunitense prevede ricavi compresi tra 67 e 71 miliardi di dollari,  e un utile per azione tra 3,25 e 3,45 dollari. 

Il Magazine
Italia Informa n° 2 - Marzo/Aprile 2024
Iscriviti alla Newsletter
 
Tutti gli Articoli
Cerca gli articoli nel sito:
 
 
Vedi tutti gli articoli