Confcommercio Energia: "Bollette ancora fuori norma rispetto al 2019"

- di: Barbara Bizzarri
 

Il costo dell’energia continua a rimanere su valori fuori dall’ordinario: è quanto si rileva dall’analisi di Confcommercio sui costi energetici per le imprese del terziario, nonostante la lieve flessione dei prezzi registrata nell’ultimo semestre. Il Prezzo Unico Nazionale (PUN) dell'energia elettrica è ancora elevato: negli ultimi due anni ha registrato livelli del tutto eccezionali (fino a 700 €/MWh) e, nonostante oggi si sia riposizionato su valori più vicini alla norma (tra i 100 e i 130 €/MWh), il suo valore appare comunque pari ad oltre il doppio rispetto ai prezzi registrati nel periodo pre-crisi (2019). "La crisi energetica del biennio 2021-2022 - ha osservato Confcommercio - non può considerarsi, quindi, ancora superata e i suoi effetti si faranno sentire anche nel prossimo futuro. Peraltro, le tensioni geopolitiche, alimentate ora anche dal conflitto in Medioriente che determina un ulteriore forte elemento di instabilità sui mercati, manterranno elevato il pericolo di fiammate nei prezzi dell’energia ben oltre il 2023".

Confcommercio Energia: "Bollette ancora fuori norma rispetto al 2019"

Se si considerano insieme le componenti “luce e gas”, la spesa per le imprese del terziario di mercato è stata, nel 2022, pari a 32,9 miliardi di euro ed è prevista ridursi, nel 2023, a 19,3 miliardi di euro (-41% sull’anno precedente). Tuttavia, nel confronto con il 2019 (anno considerato di “normalità economica” sotto il profilo energetico) la spesa del 2023 risulterà complessivamente maggiore del 44%.

Secondo Confcommercio, "le recenti misure adottate dal Governo per mitigare l’impatto dei costi dell’energia per imprese e famiglie (decreto legge 131/2023) andrebbero, dunque, fortemente potenziate, a cominciare dalla necessità di reintrodurre i crediti d’imposta energetici e di azzerare gli oneri generali di sistema per il settore elettrico, analogamente a quanto fatto per il gas. Inoltre, sul caro carburanti si dovrà assicurare continuità al beneficio del gasolio commerciale, indispensabile per la competitività delle imprese di autotrasporto e utile al contenimento dell’inflazione, e rendere strutturale questo beneficio anche per i bus turistici che da fine agosto non ne usufruiscono più".

Inoltre, il caro carburanti continua a colpire duramente i trasporti e tutto il comparto della mobilità. A settembre 2023, il prezzo medio della benzina alla pompa è stato superiore del 18% rispetto all’anno precedente e del 26% sul periodo pre-crisi (settembre 2019). Analoghe dinamiche caratterizzano il prezzo del gasolio. Di conseguenza, si stimano extra costi, su base annua, pari a circa 15 mila euro per ogni camion.

Notizie della stesso argomento
Trovati 71 record
Pagina
1
13/06/2024
Intesa Sanpaolo celebra le dieci eccellenze di "Imprese Vincenti" che sbarcano a Brescia
13/06/2024
Turismo, Altroconsumo: voli low cost, rincari fino al 363%
13/06/2024
PMI, Rapporto Welfare Index 2024 promosso da Generali: le imprese pronte per il rinnovamen...
13/06/2024
InvestEU, al via il Protocollo d’intesa tra Università di Pavia e CDP
13/06/2024
Cisalfa Group approda all’estero con il supporto di UniCredit, CDP e SACE
13/06/2024
G7, Confartigianato: Italia locomotiva nell’era dell’incertezza grazie al sistema di MPI
Trovati 71 record
Pagina
1
Il Magazine
Italia Informa n° 2 - Marzo/Aprile 2024
Newsletter
 
Iscriviti alla nostra Newsletter
Rimani aggiornato su novità
eventi e notizie dal mondo
 
Tutti gli Articoli
Cerca gli articoli nel sito:
 
 
Vedi tutti gli articoli