Elezioni 2022 - Chi ha detto cosa (10 agosto)

- di: Diego Minuti
 
Alessandro Di Battista

Io politicamente non mi fido di lui. Ancora Beppe Grillo fa da padre padrone e io sotto di lui non ci sto.

Clemente Mastella

Ci sarebbe sulla carta una grande possibilità, penso alla Margherita dei tempi miei, di Prodi, Dini, Marini. Ma la qualità dei soggetti oggi è molto diversa: il campo largo si è ridotto già a un campetto, in giro vedo tanti abatini preoccupati solo di raggiungere il 3% per entrare, hanno obiettivi aritmetici, non politici.

Enrico Letta

Azione e Italia Viva sono partiti politici in competizione aspra con noi, Calenda e Renzi sono due leader politici che questa legislatura l'hanno fatta da eletti del Pd, ma siccome non possono pensare di stare in un partito in cui ci sono anche altri, hanno fatto un'altra scelta. Penso che andranno insieme.

Giuseppe Conte

Fino a qualche giorno fa Letta portava avanti la cosiddetta 'agenda Draghi', addirittura parlando di un fantomatico 'metodo Draghi' e costruendo l’alleanza con Calenda su questo. Ora sta ritrattando, inizia a rinnegare l’agenda Draghi perché evidentemente ha visto qualche sondaggio andare male. Ne vedremo delle belle.

Stefano Bonaccini

Dalla segreteria nazionale non pensino di candidare nei territori i paracadutati. (....) Sono abituato a pretendere che le cose si facciano bene. Perché nel territorio ci sono dalla mattina alla notte. Mettendoci sempre la faccia. Pretendo facciano così tutti. Si chiama serietà per la campagna elettorale.

Nicola Fratoianni

Per quanto riguarda la costruzione di un Paese più verde e più uguale ci sono convergenze programmatiche anche con il M5s e sarei dell'idea di allargare al massimo la coalizione. L'ho detto a perdifiato. Adesso di fronte alle ultime novità di Calenda credo che ognuno debba riflettere.

Matteo Salvini

I numeri dicono che il nucleare di ultima generazione è la forma di energia più pulita, perché non produce neanche scorie ed è più sicura dal punto di vista degli incidenti sul lavoro e per i cittadini. Sono in corso di costruzione decine di centrali nucleari ovunque, dalla Francia agli Stati Uniti, Russia, Giappone, Corea, Slovenia, Finlandia, ce ne sono più di cento operative solo in Europa, 50 in Francia. (...) Dalla posa della prima pietra occorrono 7 anni, non 7 giorni, quindi, se mai si comincia, mai si arriva, quindi, se vinciamo le elezioni (l'Italia, ndr) il primo gennaio 2023 torna a essere al pari di tutti gli altri Paesi al mondo, nell'arco di 7 anni potremmo produrre energia a minor costo rispetto a quella di oggi.

Silvio Berlusconi

Il nucleare pulito, i rigassificatori, il massiccio impiego di risorse per le energie rinnovabili sono nel nostro programma. Per troppi anni siano stati fermi sul fronte delle infrastrutture grazie ai no della sinistra, per questo ai cittadini e le imprese pagano un prezzo molto alto. Noi daremo il via ad un piano di interventi immediati come la costruzione di impianti per dissalare l'acqua di mare, costruiremo invasi per non disperdere l'acqua piovana, revisioneremo le reti di distribuzione dell'acqua. Queste per noi sono priorità assolute.

Carlo Calenda

Giorgia Meloni dovrebbe dire cose chiare sul fascismo, perché non può presentarsi in Europa in modo credibile senza aver risolto la questione.

Mara Carfagna

Nessuno all’interno di Forza Italia ha potuto dire nulla sul fatto che il nostro principale alleato (Salvini, ndr), nel corso di una guerra scatenata dalla Russia contro l’Ucraina, all’insaputa del governo aveva organizzato un viaggio in Russia pagato con i soldi dell’ambasciata russa. E’ normale? E’ andato ai confini della Polonia e farsi sbertucciare in mondovisione, è normale?

Antonio Tajani

Non sono affatto promesse facili, sono programmi chiari che si basano su calcoli reali. La premessa è ovvia: non tutto si può realizzare in un giorno, servirà tempo. Ma la rotta sarà chiara da subito. È sostenibile alzare le pensioni minime, pensare a una flat tax del 23% sul lavoro autonomo per iniziare, abbassare il cuneo fiscale. Perché i soldi si possono recuperare sia con una pace fiscale — prima paghi, più sconto su quello che devi pagare otterrai —, sia con una abolizione dell’attuale reddito di cittadinanza, che deve diventare solo sostegno a chi è impossibilitato a lavorare, sia attraverso l’emersione che proprio una aliquota bassa permette.

Alessandro Rapinese (sindaco di Como)

Se io fossi il legislatore non consentirei la libera circolazione a chi non ha i documenti in regola. E mentre si attende che vengano rimpatriati, ci sono ampie zone deserte della Barbagia che potrebbero ospitarli.

Domenico De Masi

Gianroberto Casaleggio era un visionario, il figlio è più una reliquia che un ideologo. Non mi pare che abbia scritto nulla di rilevante. Per lanciare un nuovo movimento servono grandi visionari, eroi e delinquenti. Non ne vedo in Italia. Poi, per carità,...massima stima per Di Battista e Davide Casaleggio. Ma non mi pare che possano ripetere la storia del Movimento 5 Stelle

Carlo Calenda

Io spero che (un terzo polo, ndr) nasca, ci sono tutte le premesse per farlo, perché con Italia Viva siamo vicini dal punto di vista programmatico. Poi c'è da accordarsi su come organizzare la campagna elettorale, su chi parlerà per la coalizione, oltre ovviamente ai collegi. Stiamo lavorando, ma è pur sempre un incontro tra forze politiche che hanno fatto scelte diverse nel recente passato: loro sono stati al governo con il Movimento 5 Stelle, noi no.
Il Magazine
Italia Informa n° 4 - Luglio/Agosto 2022
Iscriviti alla Newsletter
 
Tutti gli Articoli
Cerca gli articoli nel sito:
 
 
Vedi tutti gli articoli