Gran Bretagna: allarme rosso sul fronte dell'inflazione, che a sorpresa torna a salire

- di: Redazione
 
Nel Regno Unito, a febbraio, per la prima volta in quattro mesi, l'inflazione è tornata a salire, sotto la spinta della crescita dei prezzi elevati di cibo ed energia. L'Ufficio nazionale di statistica ha rilevato che l'indice dei prezzi al consumo è balzato al 10,4% nei 12 mesi fino a febbraio, dal 10,1% del mese precedente. Le cifre hanno sorpreso gli analisti che avevano previsto che l'inflazione sarebbe rallentata al 9,9%.

Gran Bretagna: allarme rosso sul fronte dell'inflazione, che a sorpresa torna a salire

L'inattesa ripresa dell'inflazione rende più alta l'attesa per le decisioni della Banca d'Inghilterra che, nella riunione di domani, dovrebbe decretare un nuovo aumento dei tassi di interesse. In proposito, la maggioranza degli economisti si attende che il prossimo aumento dei tassi di interesse si attesti su almeno un quarto di punto percentuale, anche nella considerazione delle tensioni che si registrano nel settore bancario.
Il rapporto sull'inflazione ribadisce il peso che i consumatori britannici hanno affrontato nell'inverno appena concluso, tra l'aumento delle spese energetiche e il costante aumento dei prezzi di beni di prima necessità come latte, uova e verdure. Una situazione che ha innescato la più grande crisi declino del tenore di vita dagli anni '50.

I prezzi del cibo sono aumentati del 18% nei 12 mesi fino a febbraio, rispetto al tasso del 16,7% registrato il mese precedente. Anche dopo i sussidi governativi progettati per proteggere i consumatori dal balzo dei prezzi globali dell'energia, la bolletta media delle famiglie per l'elettricità e il gas naturale è aumentata del 27% lo scorso anno.
Gli economisti si aspettano che l'inflazione rallenti rapidamente entro la fine dell'anno poiché i recenti cali dei prezzi dell'energia all'ingrosso si ripercuotono sui consumatori e gli enormi aumenti dei prezzi dello scorso anno escono dai calcoli. La Banca d'Inghilterra prevede che l'inflazione scenderà al 2,9% entro la fine di quest'anno.
Ma il capo del Tesoro britannico Jeremy Hunt ha avvertito che è necessario più lavoro per evitare ulteriori aumenti dei prezzi. "Il calo dell'inflazione non è inevitabile, quindi dobbiamo attenerci al nostro piano", ha affermato.
Il Magazine
Italia Informa n° 2 - Marzo/Aprile 2024
Iscriviti alla Newsletter
 
Tutti gli Articoli
Cerca gli articoli nel sito:
 
 
Vedi tutti gli articoli