Legge Capitali, AIFI: maggiore attenzione al mercato del private capital nel processo di riforma del Testo Unico della Finanza

- di: Barbara Leone
 

Il Consiglio Direttivo AIFI si è riunito e ha apprezzato l’obiettivo di semplificazione della Legge Capitali, condividendo, in particolare, l’introduzione di norme agevolative per il mondo delle imprese quotate. L’Associazione sottolinea, tuttavia, come il tessuto produttivo del nostro Paese è costituito, per la maggior parte, da non quotate, che rappresentano il motore dello sviluppo economico e necessitano di capitali per la crescita e per affrontare la transizione ecologica e digitale. Il private capital può supportare le imprese in questi cambiamenti e ha dimostrato di essere in grado di creare poli di aziende che si consolidano, crescono dimensionalmente e si internazionalizzano. Negli ultimi cinque anni sono stati realizzati circa 1.000 interventi di questo tipo attraverso gli add on.

Legge Capitali, AIFI: maggiore attenzione al mercato del private capital nel processo di riforma del Testo Unico della Finanza

Il private capital ha un impatto economico positivo sul sistema produttivo come dimostrano molti studi a livello internazionale; una recente ricerca AIFI sulla valorizzazione del capitale umano evidenzia come le imprese in portafoglio ai fondi, dal momento dell’investimento al 2022, data di osservazione, hanno registrato una crescita occupazionale dell’8% e del 34% se si considerano solo le Pmi”, evidenzia Innocenzo Cipolletta, presidente AIFI.

Per rafforzare questo segmento del mercato dei capitali, ancora sottodimensionato, l’Associazione, in vista della riforma del Testo Unico della Finanza, chiede di intervenire su più fronti: in primo luogo, è necessario favorire, come in altri Paesi, l’investimento di una quota del risparmio gestito verso strumenti di private capital; in secondo luogo, per coinvolgere gli investitori istituzionali italiani nel sostegno all’economia reale, si suggerisce di istituire uno o più fondi di fondi, con risorse che siano aggiuntive e non sostitutive, come hanno fatto altri Paesi come Francia, Spagna e Germania, in cui un soggetto pubblico svolge il ruolo di anchor investor. È essenziale, sottolinea AIFI, che le risorse del fondo di fondi siano investite in modo indiretto nelle imprese, avvalendosi delle competenze dei gestori specializzati in grado di attrarre ulteriori risorse dal mercato. Questo consente di aumentare l’effetto volano e di utilizzare le conoscenze di operatori finanziari che selezionano le imprese secondo rigorosi criteri di mercato. Da ultimo, conclude AIFI, si chiede di tutelare la competitività dei gestori italiani semplificando il contesto regolamentare per gli intermediari, eliminando interventi di gold-plating rispetto alla normativa europea.  

Notizie della stesso argomento
Trovati 72 record
16/07/2024
ABK Group: con la tecnologia FullVein3D, commessa da 10 milioni negli USA
16/07/2024
Intesa Sanpaolo sostiene il progetto Cantine ABFV Italia: finanziamento da oltre 4 milioni
16/07/2024
Confcommercio: "Inflazione ferma a giugno, ma restano elementi di fragilità"
16/07/2024
Mergellina: nasce AFINA Napoli, società che intende progettare l'ampliamento del porto
16/07/2024
Castello SGR: finanziamento da 135 milioni per l'apertura del primo Nobu Hotel italiano
16/07/2024
Next Geosolutions si aggiudica contratto per la mappatura degli habitat marini in Italia
Trovati 72 record
Il Magazine
Italia Informa n° 3 - Maggio/Giugno 2024
Newsletter
 
Iscriviti alla nostra Newsletter
Rimani aggiornato su novità
eventi e notizie dal mondo
 
Tutti gli Articoli
Cerca gli articoli nel sito:
 
 
Vedi tutti gli articoli