Mercati: in Asia le borse arretrano dopo i dati sull'economia cinese

- di: Redazione
 
Andamento lento per le borse in Asia, dopo che l'economia cinese si è contratta del 2,6% nell'ultimo trimestre, condizionata dalle chiusure e dai confinamenti a casa decisi per contenere l'espandersi dei contagi da coronavirus.
L'indice Nikkei 225 di Tokyo ha guadagnato lo 0,6% a 26.797,47. Il Kospi di Seul è salito dello 0,1% a 2.324,29 e le azioni sono aumentate anche in India e Taiwan. Di contro l'indice Shanghai Composite ha perso lo 0,2% a 3.273,87. L'S &P/ASX 200 australiano è sceso dell'1,1% a 6.578,50 e l'Hang Seng di Hong Kong è sceso dello 0,7% a 20.597,14.

Le borse asiatiche frenano dopo i dati sull'economia della Cina

I dati ufficiali mostrano che l'economia cinese si è ridotta del 2,6% rispetto al già debole tasso trimestrale dell'1,4% del periodo gennaio-marzo. Rispetto a un anno fa, la crescita è scivolata a un debole 0,4% dal 4,8% del trimestre precedente.
Nell'ambito delle misure anti-Covid 19, dopo il manifestarsi di nuovi focolai, in Cina (ma anche in altre zone dell'Asia), l'attività del porto di Shanghai, il più trafficato del mondo, sta subendo fortissimi rallentamenti, così come la produzione, alimentando preoccupazioni per il commercio globale. Milioni di famiglie sono state confinate nelle loro case, deprimendo la spesa dei consumatori.
Giovedì a Wall Street, l'S &P 500 è sceso dello 0,3% a 3.790,38. Quasi tre titoli su quattro nell'indice di riferimento sono finiti in rosso. Il Dow Jones Industrial Average è sceso dello 0,5% a 30.630,17. Il Nasdaq è salito di meno dello 0,1%, a 11.251,19.

Le azioni delle piccole società sono scese più del mercato in generale in un altro segnale che gli investitori sono preoccupati per la crescita economica. Il Russell 2000 è sceso dell'1,1% a 1.707,51.
Wall Street ha valutato gli ultimi rapporti del governo che mostrano che l'inflazione rimane alta e non mostra segni di raffreddamento, anche se le banche centrali cercano di allentare la presa su imprese e consumatori aumentando i tassi di interesse.

L'inflazione e la lotta della Federal Reserve contro di essa condizionano gli investitori, anche a fronte di un'inflazione che, all'ingrosso, è salita dell'11,3% a giugno rispetto all'anno precedente.
l rendimento del Tesoro americano a 10 anni, che incide sui tassi ipotecari, era al 2,94% all'inizio di venerdì. Rimane inferiore al Tesoro a due anni, che è al 3,12%. Questo è un evento relativamente raro e alcuni investitori ritengono che anticipi una potenziale recessione.

La Fed ha già alzato i tassi tre volte quest'anno e gli operatori si aspettano sempre più un aumento mostruoso dei tassi di un intero punto percentuale al prossimo incontro della banca centrale tra due settimane. Secondo CME Group, i trader scommettono su una probabilità del 44% di un aumento del punto intero, rispetto allo zero di un mese fa.
In altri scambi di venerdì, il greggio di riferimento statunitense ha guadagnato 65 centesimi a 96,44 dollari al barile. Giovedì ha perso 52 centesimi a 95,78 dollari al barile.
Il greggio Brent, la base dei prezzi per il commercio internazionale, ha aggiunto 90 centesimi alla sua quotazione, a 100,00 dollari al barile.
Il Magazine
Italia Informa n° 5 - Settembre/Ottobre 2022
Iscriviti alla Newsletter
 
Tutti gli Articoli
Cerca gli articoli nel sito:
 
 
Vedi tutti gli articoli