Promotica, ricavi raddoppiati nel primo semestre 2022: EBITDA 2,8 mln, EBIT +8,2

- di: Barbara Leone
 
Ricavi raddoppiati per Promotica S.p.A., agenzia loyalty specializzata nella realizzazione di soluzioni marketing atte ad aumentare le vendite, la fidelizzazione e la brand advocacy quotata su Euronext Growth Milan. Il Consiglio di Amministrazione della Società ha infatti esaminato e approvato, sotto la presidenza di Diego Toscani, la Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2022, redatta secondo i principi contabili italiani e sottoposta volontariamente a revisione contabile limitata. “Siamo soddisfatti dei risultati del primo semestre che registrano quasi un raddoppio dei ricavi rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, anche grazie alle acquisizioni finalizzate nel corso dell’esercizio 2021 e nel semestre appena concluso - ha commentato Diego Toscani, Amministratore delegato di Promotica -. Tuttavia, la marginalità oggi risente ancora dell’incremento generalizzato di tutte le maggiori voci di costo come le materie prime, i trasporti e l’energia. Solo marginalmente è stato possibile traslare queste voci di costo sul cliente finale per via della velocità di incremento dei prezzi nel corso del periodo, infatti, le misure correttive messe in atto non fanno in tempo ad avere efficacia perché vengono raggiunte e superate dalla corsa dei rincari. Nonostante le difficoltà legate a fattori esogeni - ha sottolienato Toscani -, abbiamo avuto grande soddisfazione dall’aggiudicazione del ruolo di General Contractor unico per l’ideazione e gestione del catalogo premi nazionale 2022 di Selex Gruppo Commerciale a cui si aggiunge la nuova campagna nazionale realizzata a febbraio per Coop Italia e il lancio, a luglio, di due nuove campagne sempre per le insegne del Gruppo Coop.

Sul fronte del prodotto siamo felici della ripresa del lavoro di creazione di nuovi servizi basati su esperienze di qualità da proporre alla clientela come sistema premiante alternativo al premio fisico, legate ad alcune grandi passioni come il cibo, il vino, i viaggi, l’automotive e la nautica, settori che purtroppo la crisi Covid-19 aveva azzerato. L’obiettivo - ha aggiunto - è di continuare anche nel secondo semestre del 2022 l’incremento della value proposition attraverso l’offerta alla clientela di una gamma di servizi evoluti, senza dimenticare gli strumenti finalizzati alla migliore conoscenza dei clienti e dei loro comportamenti. Promotica oggi ha rafforzato la sua posizione di mercato grazie alle tre operazioni straordinarie che rappresentano eventi centrali nella storia di sviluppo dell’azienda. In particolare, mi riferisco all’acquisizione di Grani & Partners che ha rafforzato la posizione di Promotica rendendola azienda leader nel settore kids in Italia e all’estero, e l’integrazione del ramo d’azienda Incentive e Loyalty di Giglio Group, che ha accelerato la nostra presenza nel mercato sempre più in espansione della fidelizzazione digitale. A questo si aggiunge l’acquisizione del 100% del capitale sociale di Mercati, azienda italiana operante nel settore della produzione ed importazione di articoli per la casa, la persona ed il tempo libero. L’accordo per tale operazione è stato definito nel mese di giugno, e realizzato a settembre, pertanto l’effetto sul business sarà visibile negli ultimi mesi dell’anno.

Alla luce delle operazioni messe a punto e delle numerose iniziative che verranno introdotte nei prossimi mesi - ha detto in conclusione -, riteniamo che sussistano tutti gli elementi per procedere in coerenza con la strategia aziendale”. Entrando nel dettaglio dei numeri della Relazione vediamo che i ricavi di vendita consolidati, espressione del core business del Gruppo (ovvero l’organizzazione e la gestione di campagne di fidelizzazione realizzate attraverso la progettazione delle meccaniche, lo sviluppo degli aspetti creativi, la definizione degli aspetti legali e la gestione fisica dei premi, compresa la loro fornitura e la consulenza nell’ambito del retail) sono pari a € 45,2 milioni rispetto ai € 23,3 milioni di ricavi consolidati al 30 giugno 2021. La crescita è dunque del 93,3%. I ricavi del primo semestre 2022 comprendono € 11,3 milioni derivanti dall’attività sviluppata dal Gruppo Grani. Nel corso del primo semestre 2022 la Società ha gestito in totale 107 campagne promozionali, per un totale di premi erogati pari a 7,3 milioni di pezzi. Il Margine industriale è pari a circa € 11,8 milioni, in crescita del 62,2%, con un’incidenza sui ricavi pari al 26,1%, rispetto a € 7,3 milioni al 30 giugno 2021. L’EBITDA risulta pari a € 2,8 milioni al 30 giugno 2022, con un EBITDA Margin del 6,1%, rispetto a € 3,2 milioni registrato al 30 giugno 2021. La marginalità risente dell’incremento generalizzato di tutte le maggiori voci di costo (costi per materie prime, sussidiarie, di consumo e di merci, costi per servizi e costi del personale) dovuto a una situazione macroeconomica decisamente sfavorevole segnata dagli aumenti dei costi energetici, dei beni di consumo e da un forte rafforzamento del valore del dollaro, che solo marginalmente è stato possibile traslare sul cliente finale stante la velocità di incremento marginale dei prezzi nel corso del periodo. Si segnala che l’indice di rotazione media del magazzino (pari a 2,71x) è influenzato dall’attività tipica della gestione campagne loyalty per la quale il livello di scorte è fortemente influenzato dall’inizio di significative campagne di fidelizzazione in ragione del quale è stato effettuato l’approvvigionamento delle merci. Dopo ammortamenti e svalutazioni per € 0,6 milioni, il risultato operativo (EBIT) si attesta a € 2,2 milioni, in crescita di ca. l’8% rispetto al 30 giugno 2021 e con una marginalità al 5%.

Il risultato netto è pari a circa € 1,3 milioni, dopo aver spesato oneri finanziari per € 0,3 milioni, rettifiche di valore di attività e passività finanziarie per € 0,02 milioni e imposte per circa € 0,6 milioni, sostanzialmente in linea con il dato al 30 giugno 2021. Per quanto riguarda lo stato patrimoniale consolidato sottolineiamo che al 30 giugno 2022 l’indebitamento finanziario netto è passivo (debito) e pari a € 24,5 milioni, in aumento rispetto ai € 12,4 milioni registrati al 31 dicembre 2021. Mentre le disponibilità liquide sono pari a circa € 4,6 milioni. L’aumento dell’indebitamento finanziario netto è ascrivibile in parte al finanziamento del circolante (scorte di magazzino in aumento per far fronte all’avvio delle nuove campagne contrattualizzate) e in parte alle maggiori risorse a disposizione per il pagamento “cash” di € 4,5 milioni per l’acquisto di Mercati S.r.l. conclusosi nel mese di agosto 2022. Il patrimonio netto è pari a € 13,7 milioni, in miglioramento rispetto ai € 12,3 milioni registrati al 31 dicembre 2021. Mentre il capitale circolante netto è  pari a € 28,0 milioni. Il primo semestre 2022 targato Promotica si è caratterizzato, dunque, per un significativo miglioramento dei risultati rispetto all’esercizio precedente. Il tutto nel quadro di una situazione macroeconomica decisamente sfavorevole segnata dagli aumenti dei costi energetici, dei beni di consumo e da un forte rafforzamento del valore del dollaro, potenziale beneficio per le esportazioni ma certo danno per le importazioni in valuta. Tutto ciò si ripercuote ancora sull’intera catena di fornitura e il combinato disposto di dollaro forte e costi logistici ancora sostenuti ha determinato una contrazione dei margini dovuta alla difficoltà di trasferire gli aumenti alla clientela. In tale contesto, Promotica è chiamata ad esplicare la propria attività nell’ambito della GDO e, nel contempo, si sta confrontando con l’industria per contenere gli inevitabili aumenti. In questa seconda parte dell’anno si assiste ad una progressiva riduzione dei costi logistici ed, in particolare, dei noli marittimi dal far East, mentre si mantiene sostenuto il costo della logistica nazionale a causa del caro energia. Tuttavia, le attività di fidelizzazione sono riprese con maggiore regolarità, e Promotica ha ulteriormente valorizzato l’impegno verso le produzioni italiane, impegno che continuerà nel corso della seconda parte dell’anno con il lancio di nuovi prodotti realizzati in Italia in tutto o in parte. In questo contesto una riflessione che Promotica è chiamata a fare nel corso della seconda parte del 2022 attiene alla valorizzazione dello stock di magazzino che sarà convenientemente utilizzabile per effettuare attività da qui alla fine dell’anno, con una prevedibile riduzione e monetizzazione dello stesso.

Continuerà il forte impegno verso la sostenibilità e le strategie di ESG. Da sempre l’azienda è attenta alle tematiche in oggetto con particolare attenzione alla sostenibilità delle proprie attività, ai riflessi sociale del proprio operato, e al benessere dei propri collaboratori. La possibilità nel corso del 2021 di tornare ad effettuare attività commerciale ha consentito nel primo semestre 2022 una crescita del fatturato e del numero di operazioni poste in essere. Sono state raccolte significative soddisfazioni in nuovi mercati, come quelli B2B legati al nuovo ramo derivante in buona parte dalla acquisizione del ramo Incentive e Loyalty di Giglio Group. All’estero nuove attività sono state sviluppate in tutti i paesi dell’Est e del Nord Europa ed è intenzione del management perseguire possibili sviluppi in tutta Europa sia attraverso partnership, sia attraverso acquisizioni, sia con un intervento diretto su mercati che consentano questo tipo di approccio. In particolare, si prevede di raddoppiare l’incidenza delle esportazioni sul fatturato aziendale entro la fine dell’anno. Sul fronte dei clienti attuali e potenziali operanti nel settore farmaceutico continuerà il lavoro teso ad affermare la leadership di Promotica. A questo proposito è stata ulteriormente rafforzata la struttura commerciale al seguito di questi mercati per sviluppare nuovi progetti con una forte base digitale e verranno valutate attività promozionali e formative, quali ad esempio convegni. Inoltre, è stato approcciato il mercato delle utilities, che potrebbe presentare interessanti opportunità di sviluppo presente e futuro. Nel mercato di riferimento, quello della grande distribuzione, continueranno ad essere sviluppati nuovi progetti di fidelizzazione, in grado di combinare sempre di più elementi di prodotto con fattori di comunicazione e di animazione dei punti vendita, in ossequio ai più recenti dettami del marketing che indicano di lavorare sulla customer experience e sul consolidamento della relazione con il cliente per incrementare il lifetime value del cliente stesso in un’ottica di lungo periodo. In questi mesi è ripreso il lavoro per realizzare nuovi prodotti e servizi basati su esperienze di qualità da proporre alla clientela, in sostituzione del premio fisico, legate ad alcune grandi passioni come il cibo, vino, auto, viaggi, nautica, attività sociali che il Covid-19 aveva azzerato. L’obiettivo è continuare nel secondo semestre del 2022 l’incremento della value proposition attraverso l’offerta alla clientela di una gamma di servizi evoluti, senza dimenticare gli strumenti finalizzati alla migliore conoscenza dei clienti e dei loro comportamenti. Per questi approfondimenti le leve utilizzate sono: attività di formazione per il personale della clientela, dotazione di strumenti di social intelligence e di software per l’analisi dei cosiddetti big data, sviluppo di attività di mistery shopping con sistemi di relazione automatizzati, sistemi di monitoraggio delle attività di mercato sviluppate sia dai clienti che dalla concorrenza e focus group con i clienti e i consumatori finali anche attraverso partnership con primari operatori del settore delle ricerche di mercato.
Il Magazine
Italia Informa n° 5 - Settembre/Ottobre 2022
Iscriviti alla Newsletter
 
Tutti gli Articoli
Cerca gli articoli nel sito:
 
 
Vedi tutti gli articoli