Login

Guerre dimenticate: in Siria droni americani uccidono comandanti di al Qaida

- di: Brian Green
 
Un attacco americano, condotto con l'utilizzo di droni, ha ucciso, in un villaggio siriano della regione di Idlib, molti dei partecipanti ad un vertice di al-Qaida. Secondo l'Osservatorio siriano per i diritti umani (Osdh), l'attacco ha provocato la morte di quindici uomini, tra i quali cinque jihadisti definiti ''stranieri'' e sei comandanti.

"Le forze statunitensi hanno effettuato un attacco contro un gruppo di alti funzionari di al-Qaida in Siria che si erano radunati vicino a Idlib", ha detto il portavoce del comando centrale dell'esercito americano (Centcom), la comandante Beth Riordan, aggiungendo che ''l'eliminazione di questi leader di Al-Qaida in Siria ridurrà la capacità dell'organizzazione terroristica di pianificare e condurre attacchi che minacciano i cittadini americani, i nostri partner e civili innocenti".

Secondo l'Osdh (che ha la sua sede in Gran Bretagna), l'attacco con i droni ha preso di mira un raduno di jihadisti nel villaggio di Jakara, nella regione di Salqin, nella provincia di Idlib, ultimo baluardo ostile al regime del presidente siriano Bashar al-Assad, dove operano gruppi jihadisti e ribelli guidati da Hayat Tahrir Al-Cham (HTS), l'ex ramo siriano di Al-Qaida che domina le zone ribelli.

Il direttore dell'ong, Rami Abdel Rahman, ha precisato che la nazionalità dei cinque stranieri morti nell'attacco - che ha preso di mira la tenda di uno dei comandanti uccisi - non è stata ancora stabilita, mentre, ha aggiunto, dei sei comandanti uccisi due appartenevano ad Hayat Tahir Al-Cham.
L'attacco è avvenuto poco dopo che le autorità di polizia francesi avevano accertato che l'assassino del professor Samuel Paty, un ragazzo di 18 anni di origine cecena e religione musulmana - era in contatto con due jihadisti individuati vicino Idlib.

La regione ospita migliaia di stranieri, tra cui francesi, britannici e ceceni, che si sono stabiliti lì nel corso degli anni, secondo OSDH. Dopo una serie di vittorie grazie agli aiuti militari dell'alleato russo, il regime di Assad ha ripreso il controllo di circa il 70% del territorio siriano. La guerra civile in Siria, secondo le ultime stime, ha provocato più di 380 mila morti, costringendo milioni di persone a fuggire.
Iscriviti alla Newsletter
 
Le ultime Notizie
Il Magazine
Italia Informa n° 5 - Settembre/Ottobre 2020