Le assemblee di PSA e FCA danno il via libera: nasce Stellantis

- di: Daniele Minuti
 
Adesso è arrivato l'ok: le assemblee di PSA e FCA, entrambe riunite lunedì 4 gennaio, hanno dato il via libera alla fusione che darà vita a breve a Stellantis, supergruppo che diventerà il quarto per grandezza mondiale nel campo dell'automobilismo.

Il primo dei due ok è arrivato nella mattina durante l'assemblea del gruppo francese, che ha approvato l'operazione di fusione con un consenso del 99,99%, con lo stesso risultato arrivato poco dopo per l'assemblea straordinaria dei soci che si è riunita in via telematica.

Il presidente del consiglio di gestione di Psa, Carlos Tavares ha commentato così: "Si tratta di un momento storico, vi parlo con emozione e eccitazione perché questo progetto ha l'obiettivo di proteggere i nostri lavoratori e garantire il futuro della società. L'operazione ha mostrato la grande maturità degli azionisti di entrambi i gruppi, che hanno una chiara visione dell'avvenire e hanno messo in mostra grandi capacità di adattamento alle diverse condizioni. Le modifiche all'accordo che avevamo annunciato nel dicembre del 2019 e dovute alla situazione legata alla pandemia sono state messe in atto con spirito di collaborazione e maturità. La nostra priorità è quella di raggiungere sinergie di 5 miliardi di euro ogni anno: la creazione di Stellantis è la risposta alle sfide del futuro che riguarda l'industria automobilistica e la mobilità. Abbiamo ottenuto ogni approvazione necessaria per la fusione e ora siamo pronti per la prossima tappa di questa favolosa storia".

Nel primo pomeriggio è arrivata l'approvazione da parte dell'assemblea degli azionisti di FCA, con un voto favorevole pari al 99,15% del capitale presente. John Elkann, presidente del gruppo italo-americano e futuro presidente di Stellantis, ha parlato in assemblea dei passaggi che porteranno alla sua nascita: "Tutte le attività, le passività e i rapporti legali di Groupe PSA passeranno a FCA, gli azionisti del nostro gruppo saranno azionisti di una società che comprende l'aggregazione di aziende di FCA e PSA, che cesserà di esistere come società a sè stante e le cui azioni saranno cancellate. Chi le deteneva riceverà azioni ordinarie di Stellantis applicando tasso di scambio deciso dai documenti dell'accordo".

"Il prossimo decennio definirà il futuro della mobilità" - ha spiegato Elkann - "e Stellantis vuole svolgere un ruolo determinante nel plasmare questo futuro, proprio come fecero i nostri padri fondatori".
Il Magazine
Italia Informa n° 5 - Settembre/Ottobre 2022
Iscriviti alla Newsletter
 
Tutti gli Articoli
Cerca gli articoli nel sito:
 
 
Vedi tutti gli articoli