Trasporti: dopo perdite consistenti, le compagnie aeree americane aspettano il boom

- di: Redazione
 
Le compagnie aeree statunitensi pensano che, dopo la crisi prolungata che le ha messe a durissima prova, sia arrivato il momento del rilancio. Dopo un pessimo primo trimestre dell'anno, ora l'attesa è di risultati molto positivi, poiché gli americani torneranno a viaggiare in numero maggiore dall'inizio della pandemia.
American Airlines ha dichiarato che, sebbene abbia perso 1,64 miliardi di dollari nel primo trimestre, le vendite hanno raggiunto un record a marzo e la società prevede di realizzare un profitto nel secondo trimestre .
Perché, come ha detto il ceo Robert Isom, ''la domanda è forte come non l'abbiamo mai vista".

Le compagnie aeree statunitensi si aspettano una ripresa

Una prospettiva condivisa anche da Delta Airlines e United Airlines, che prevedono consistenti profitti per l'intero anno nonostante le pesanti perdite nel primo trimestre.
I risultati negativi del primo trimestre sono conseguenza dalla variante Omicron del Covid-19, che ha colpito viaggiatori e dipendenti delle compagnie aeree. Ma i viaggiatori sono tornati a marzo e tutto lascia sperare alle compagnie aeree che gli americani siano ansiosi di viaggiare quest'estate. E anche l'eventualità di un riaffacciarsi della pandemia non sarà così grave da impedire la ripresa del settore, nonostante tariffe più elevate e l'effetto combinato di costi del carburante più alti, di un numero limitato di voli rispetto agli orari prima della pandemia e di una forte domanda.

Anche se la ripresa attuale è alimentata dai viaggiatori che si spostano per viaggi di piacere, le compagnie aeree affermano di vedere un numero crescente di persone che si spostano per motivi di lavoro.
L'analisi dei flussi di traffico sembrano confermare questa tendenza. American ha affermato che i viaggi d'affari complessivi sono circa all'80% rispetto ai livelli pre-pandemia, soprattutto a causa dei viaggi d'affari, appena il 50 per cento delle quote toccate nel 2019.

Insieme a maggiori entrate, tuttavia, le compagnie aeree devono fare fronte a costi più elevati per carburante e manodopera (American ha detto che la spesa è più che raddoppiata rispetto all'anno precedente, mentre i costi del personale sono aumentati di oltre il 15%). Le compagnie ora si trovano davanti ad una situazione forse inattesa, perché, a fronte di un boom dei passeggeri (oltre il 50% in più rispetto allo scorso anno, a 2,1 milioni dl giorno), si trovano ora a fare i conti con un numero forse insufficiente di personale, in vista dei grandi spostamenti estivi. E le stesse difficoltà potrebbero manifestarsi per la limitata disponibilità di piloti.
American ha dichiarato di aver assunto 1.100 piloti dall'inizio dello scorso anno. Molti di questi provenivano da compagnie aeree regionali più piccole, lasciando quindi quei vettori con carenze nell'organico. Anche la capacità di trasporto passeggeri di American sarà inferiore al previsto perché le consegne dei nuovi Boeing 787 sono state ritardate a causa di problemi di produzione.

La compagnia ha registrato, nel primo trimestre dell'anno, una perdita maggiore rispetto a un anno fa, quando ha perso 1,25 miliardi di dollari, con un arretramento del valore delle azioni di 2,32 dollari.
Alaska Air Group, la società madre di Alaska Airlines, ha perso 143 milioni di dollari nel primo trimestre, rispetto a una perdita di 131 milioni di dollari l'anno prima. Le entrate sono più che raddoppiate a 1,68 miliardi di dollari, ma sono diminuite del 10% rispetto allo stesso trimestre del 2019. Il vettore prevede che le entrate del secondo trimestre saranno dal 5% all'8% in più rispetto allo stesso trimestre del 2019.
United Airlines ha ufficializzato una perdita di 1,38 miliardi di dollari per il primo trimestre, prevedendo comunque di tornare alla redditività nel trimestre da aprile a giugno. Le entrate di 7,67 miliardi di dollari sono aumentate rispetto a un anno fa, ma sono diminuite del 21% rispetto all'inizio del 2019, poiché la compagnia aerea continua a effettuare meno voli rispetto a prima della pandemia.
Notizie della stesso argomento
Trovati 10 record
Pagina
1
19/07/2024
Stati Uniti: Trump "arruola" Dio e promette di plasmare il Paese per i prossimi decenni
18/07/2024
Giappone: nel primo semestre dell'anno l'export torna a crescere
17/07/2024
Starmer promette di ''togliere i freni'' alla Gran Bretagna
17/07/2024
Cina: il Partito comunista definisce le riforme per rilanciare l'economia
17/07/2024
Fmi rivede al rialzo le previsioni di crescita per India e Cina
16/07/2024
Usa: la Federal Reserve a un passo dal taglio dei tassi di interesse
Trovati 10 record
Pagina
1
Il Magazine
Italia Informa n° 3 - Maggio/Giugno 2024
Newsletter
 
Iscriviti alla nostra Newsletter
Rimani aggiornato su novità
eventi e notizie dal mondo
 
Tutti gli Articoli
Cerca gli articoli nel sito:
 
 
Vedi tutti gli articoli