BCE: accelerata sull'emissione dell'euro digitale

 
Nuovo passo avanti da parte della Banca Centrale Europea verso l'istituzione di un euro digitale: il 22 settembre infatti è stato registrato presso l'Ufficio per la proprietà intellettuale dell'Unione Europea il marchio "Digital Euro".

Un chiaro segnale che l'Unione sia sempre più convinta verso l'emissione della valuta, seppur non sia un passaggio definitivo. La BCE si sta infatti preparando per l'emissione ma è stato specificato come il Consiglio direttivo non abbia ancora preso una decisione definitiva.
A questo proposito ci sarà una consultazione pubblica il 12 ottobre durante la quale si terrà un confronto con i membri del mondo accademico, le autorità pubbliche e le alte cariche del settore finanziario.

Gli esperti della Banca centrale stanno ancora facendo le ultime considerazioni sulla valuta digitale che, stando a quanto trapela dall'Eurotorre, non andrà a sostituire il denaro contante ma gli si affiancherà. A tal proposito sono arrivate le dichiarazioni della presidente, Christine Lagarde: "I cittadini dell'Unione Europea ricorrono sempre di più ai pagamenti digitali per le loro spese, per gestire i loro risparmi o per investire. Noi abbiamo il compito di mantenere la fiducia nella moneta ma anche quello di assicurarci che l'euro sia pronto ad affrontare in maniera adeguata l'epoca digitale. Dovremo essere pronti quindi all'emissione della valuta nel caso ce ne sia bisogno. L'Eurosistema composto da BCE e dalle altre banche centrali è l'autorità monetaria dell'area dell'euro, non abbiamo ancora preso una decisione ma abbiamo il dovere di fare valutazioni calcolando benefici e rischi per farlo in modo che la moneta unica continui a fare il bene dell'UE".

Dello stesso avviso è Fabio Panetta, membro del Comitato esecutivo della BCE e Presidente della task force che sta analizzando l'operazione, le cui dichiarazioni riprese dall'ANSA chiariscono i vantaggi di una valuta digitale: "L'introduzione del Digital Euro sosterrebbe la spinta dell'Unione verso l'innovazione e contribuirebbe alla sovranità finanziaria rafforzando il ruolo internazionale della moneta unica. La tecnologia cambia il modo in cui spendiamo, consumiamo, lavoriamo e viviamo".
Il Magazine
Italia Informa n° 5 - Settembre/Ottobre 2022
Iscriviti alla Newsletter
 
Tutti gli Articoli
Cerca gli articoli nel sito:
 
 
Vedi tutti gli articoli