Borse: i dati sull'occupazione Usa deprimono Wall Street e i mercati asiatici

- di: Redazione
 
I dati sull'occupazione negli Stati Uniti, alimentando i timori di ulteriori aumenti dei tassi di interesse da parte della Federal Reserve, hanno trascinato al ribasso Wall Street e le borse asiatiche. Sulla situazione complessiva ha anche pesato il rallentamento dell'attività manifatturiera cinese.

Le borse asiatiche calano come Wall Street

Nella regione asiatico-australe sono scese le borse di Shanghai, Tokyo, Hong Kong e Sydney. I dati del governo statunitensi hanno mostrato che a luglio c'erano due posti di lavoro per ogni disoccupato, quasi supportando le argomentazioni di chi afferma che l'economia americana può tollerare ulteriori aumenti dei tassi per domare l'inflazione che sta raggiungendo i massimi da molti decenni.

L'indice Shanghai Composite è sceso dello 0,9% a 3.197,15 dopo che un indice mensile del settore manifatturiero cinese ha mostrato una nuova contrazione dell'attività ad agosto. Il Nikkei 225 di Tokyo ha perso lo 0,6% a 28.039,91 e l'Hang Seng di Hong Kong è arretrato dell'1,1% a 19.731,49. Il Kospi in Corea del Sud è rimasto invariato a 2.451,14 mentre l'S &P-ASX 200 di Sydney ha perso lo 0,2% a 6.987,00.
La borsa neozelandese è avanzata, mentre quelle singaporiana e indonesiana sono diminuite.

A Wall Street, l' indice S&P 500 di riferimento è sceso dell'1,1% a 3.986,16. Ciò ha portato il suo calo negli ultimi cinque giorni al 5,5%. Il Dow Jones Industrial Average è sceso dell'1% a 31.790,87. Il Nasdaq ha perso l'1,1% a 11.883,14.

Nei mercati energetici, il greggio statunitense di riferimento ha guadagnato 89 centesimi a 92,53 dollari al barile nel commercio elettronico sul New York Mercantile Exchange. Il Brent, utilizzato per valutare il commercio internazionale, è salito di 93 cent a 98,77 dollari al barile a Londra.
Il Magazine
Italia Informa n° 5 - Settembre/Ottobre 2022
Iscriviti alla Newsletter
 
Tutti gli Articoli
Cerca gli articoli nel sito:
 
 
Vedi tutti gli articoli