Media: l'emittente pubblica canadese a corto di fondi taglia 600 posti

- di: Redazione
 
L'emittente pubblica canadese ha annunciato che taglierà 600 posti di lavoro e ridurrà i budget per la programmazione in inglese e francese a causa delle ristrettezze di bilancio.
La Canadian Broadcasting Corp. e Radio-Canada, la sua versione in lingua francese, hanno reso noto che la maggior parte dei licenziamenti riguarderà le divisioni aziendali, come tecnologia e infrastrutture. Ha inoltre individuato 200 posti vacanti che non saranno coperti a causa delle pressioni di bilancio per 125 milioni di dollari canadesi (92 milioni di dollari).

Media: l'emittente pubblica canadese a corto di fondi taglia 600 posti

Insieme ai tagli di posti di lavoro, CBC ridurrà i budget per la programmazione in inglese e francese, con conseguente minor numero di rinnovi e acquisizioni, meno nuove serie televisive, meno episodi di programmi esistenti e serie originali digitali.

Il governo federale fornisce alla CBC oltre 1,2 miliardi di dollari canadesi (890 miliardi di dollari) di finanziamenti all'anno, ovvero circa il 71% della fonte di fondi di CBC/Radio Canada lo scorso anno. I motivi posti alla base dei tagli riguardano l’aumento dei costi di produzione, il calo degli introiti pubblicitari televisivi e la forte concorrenza dei giganti della tecnologia digitale.
Alla fine di marzo la CBC contava circa 6.500 dipendenti a tempo indeterminato, circa 2.000 lavoratori temporanei e circa 760 dipendenti a contratto.

I tagli arrivano pochi giorni dopo che il governo federale liberale ha fatto capire di avere l'intenzione di limitare la quantità di denaro che CBC e Radio-Canada potrebbero ottenere al di sotto di un accordo di 100 milioni di dollari canadesi (74 milioni di dollari) che Ottawa ha recentemente firmato con Google.
Il governo canadese ha dichiarato di aver raggiunto un accordo con Google il mese scorso affinché la società contribuisca con 100 milioni di dollari canadesi all'anno all'industria dell'informazione del Paese per conformarsi a una nuova legge che impone alle aziende tecnologiche di pagare gli editori per i loro contenuti.
Il Magazine
Italia Informa n°6 - Novembre/Dicembre 2023
Iscriviti alla Newsletter
 
Tutti gli Articoli
Cerca gli articoli nel sito:
 
 
Vedi tutti gli articoli