Usa: gli rifiutano contratto, professore entra nel campus e fa una strage

- di: Redazione
 
Si chiamava Anthony Polito ed aveva 67 anni l'uomo che, secondo la polizia, ieri, ha colpi di pistola, ha ucciso tre persone all'interno dell'università del Nevada, a Las Vegas. Per gli investigatori ha voluto vendicarsi dell'ateneo (UNLV è il più importante del Nevada) che gli aveva rifiutato un contratto da docente. Polito è poi rimasto ucciso in una sparatoria ingaggiata con due agenti di polizia. L'uomo ha ferito una quarta persona, che è stata ricoverata in un ospedale della città in condizioni definite gravi, ma stabili.
Gli investigatori hanno individuato e perquisito un appartamento a Henderson ritenuto essere l'abitazione dell'assassino. I tecnici informatici della polizia stanno ora lavorando sul telefono cellulare di Polito alla ricerca di indizi su ciò che ha motivato l'assassino a organizzare il suo gesto. La polizia sta anche esaminando i suoi scritti professionali per determinare se qualcosa in quei testi possa far luce sugli eventi accaduti nel campus dell'UNLV.

Usa: gli rifiutano contratto, professore entra nel campus e fa una strage

Gli investigatori hanno stabilito che le vittime della sparatoria (di cui non sono ancora state rese note le identità) non erano studenti, ma docenti o personale. Ciò suggerisce agli investigatori che la furia potrebbe non essere stata casuale, ma un attacco che ha preso di mira determinate persone a causa di una sorta di relazione o interazione precedente.
Secondo l'Associated Press, l'assassino aveva lavorato alla East Carolina University.
Quello di ieri è il peggiore fatto di sangue a Las Vegas dopo quanto accaduto nell'ottobre 2017, quando un uomo armato uccise 60 persone e ne ferì più di 400 dopo aver aperto il fuoco dalla finestra di una stanza del casinò di Mandalay Bay, sulla Strip, la strada più famosa della città.

Per lo sceriffo di Las Vegas, Kevin McMahill, le lezioni apprese da quella sparatoria – la più mortale nella storia moderna degli Stati Uniti – hanno aiutato le autorità a lavorare ''senza soluzione di continuità'' nel reagire all’attacco dell’UNLV.
Polito ha cominciato la sua azione omicida intorno alle 11:45 (ora locale) quando ha aperto il fuoco al quarto piano dell'edificio che ospita la Lee Business School dell'UNLV, poi è andato in altri piani prima di essere ucciso all'esterno dell'edificio.

Non era immediatamente chiaro quanti dei 30.000 studenti della scuola fossero nel campus in quel momento, ma lo sceriffo McMahill ha detto che la maggioranza degli studenti era fuori dall'edificio per mangiare e giocare. Se la polizia non avesse ucciso l'aggressore, "avrebbero potuto essere uccise innumerevoli altre persone", ha detto lo sceriffo.
Il Magazine
Italia Informa n°6 - Novembre/Dicembre 2023
Iscriviti alla Newsletter
 
Tutti gli Articoli
Cerca gli articoli nel sito:
 
 
Vedi tutti gli articoli