Osservatorio Consumi Confimprese-Jakala: ottobre secondo peggiore mese dell’anno con -3,8%

- di: Barbara Leone
 

Un ottobre negativo per i consumi che chiudono a -3,8% rispetto a ottobre 2022. È il secondo peggiore mese dell’anno dietro a maggio che aveva chiuso a -4,9%. Continua la fase di flessione del retail che, dopo un inizio anno promettente con il I trimestre a +26,7% vs il I trimestre 2022 – frutto in gran parte della spinta inflazionistica e delle pessime performance di inizio 2022 dovute a Omicron – aveva già dato segni di debolezza da maggio in poi. Il sostanziale rallentamento appare ancora più evidente nel confronto con il pre-covid: a ottobre l’indice generale fa infatti segnare un -5,1% mensile e un progressivo gennaio-settembre al -3,9%. A dirlo è l’Osservatorio Consumi Confimprese-Jakala che ha elaborati i dati di ottobre 2023 confrontandoli con ottobre 2022.

Osservatorio Consumi Confimprese-Jakala: ottobre secondo peggiore mese dell’anno con -3,8%

Dall’analisi si evince che è nei settori merceologici che si registrano performance negative su tutta la linea. A cominciare dalla ristorazione, che chiude a -1,9%. Si tratta del primo mese dell’anno in negativo ed è un preoccupante campanello d’allarme, in quanto la ristorazione ha mantenuto un andamento positivo e costante per tutto il 2023, riflettendo la propensione degli italiani per il fuori casa. Oggi l’inversione di tendenza dei comportamenti d’acquisto è evidente. Debole abbigliamento-accessori in flessione del -3,8% anche in relazione alla prolungata stagione estiva, che non favorisce l’acquisto dei capi invernali. Ancora più difficile l’andamento di altro retail che segna un -7,8%, caratterizzato, comunque, da grandi differenze tra le varie merceologie e servizi. Quanto ai canali di vendita spicca l’online con una crescita del +15,1%, ma sono tutti in negativo gli altri, dai centri commerciali a -2,9% alle high street a -5,3%, leggermente meglio i negozi di prossimità a -0,4% e il travel -0,2% che, dopo l’exploit dei mesi estivi in cui ha abbondantemente superato incrementi del +20%, si sta ridimensionando. Il progressivo anno gennaio-ottobre23 vs gennaio-ottobre22 chiude a +4,7% con una buona performance della ristorazione a +9,7%. Ancora deboli abbigliamento-accessori a +2,8% e altro retail che si mantiene a -0,2%. Nei canali di vendita il travel resta insieme all’e-commerce il più performante a +6,4% vs 2022, i restanti canali mantengono qualche punto di vantaggio nel confronto con l’anno precedente, accusando, tuttavia, un ritardo generalizzato sul 2019. Nelle aree geografiche si salva solo il Nord-est a +2,1%. Il Sud conferma performance negative a -6,5%, seguito dal Centro a 3,2% e dal Nord-ovest a -2,5%. Nelle regioni la migliore è il Trentino Alto Adige a +5,3%, il Molise si conferma per il 2° mese consecutivo la peggiore a -13,1%. Nelle città di provincia Cuneo mostra le migliori performance a +6,1%, Caltanissetta precipita a -13,3%.

«Se mai ce ne fosse stata necessitàconferma Mario Maiocchi, direttore centri studi Confimprese (nella foto)– il mese di ottobre conferma la difficoltà dei consumatori nel mantenere i livelli di spesa degli anni precedenti. Con l’incremento inflazionistico cumulato su due anni, pari al +14%, i consumi obbligati quali affitti, energia, trasporti e primari come alimentari e beni di prima necessità, hanno eroso in modo significativo la quota di reddito disponibile per consumi più discrezionali quali abbigliamento, entertainment, beni per la casa, elettronica di consumo e ora anche ristorazione. I consumatori cercano con più attenzione il risparmio, le offerte e la convenienza. Se i retailer vogliono affrontare con successo il periodo commerciale più importante dell’anno dovranno cogliere queste tendenze di fondo e allinearsi ai mutati orientamenti di spesa dei consumatori».

Resta da capire come si comporteranno i consumatori nel mese di dicembre, anche in considerazione dei risultati del Black Friday che rischiano di compromettere gli acquisti natalizi. «L’ultimo trimestre dell’anno – dichiara Alessandro Olivari, senior partner Jakalasi apre con un ulteriore assottigliamento del segno positivo delle performance rispetto all’anno scorso, con calo di 1 punto percentuale dal +5,7% del mese scorso al +4,7% attuale, e risultati del mese di ottobre negativi in tutti i settori rispetto allo stesso mese del 2022, trainati principalmente dall’altro retail. In termini di fatturato per canali di vendita, a ottobre le high street registrano risultati fortemente negativi, confermando una contrazione generalizzata dei consumi. La tendenza traspare anche dal trend delle visite, che si attestano al di sotto dei valori 2022, particolarmente per i canali high street e centri commerciali».

L’Osservatorio permanente sull’andamento dei consumi nei settori ristorazione, abbigliamento-accessori e retail non food è elaborato a partire da dati consolidati e anonimizzati di fatturati delle aziende aderenti al progetto e dati Jakala, quali per esempio dati territoriali, dati socio-demografici, dati sui flussi anonimi di frequentazione dei luoghi.

Il Magazine
Italia Informa n°6 - Novembre/Dicembre 2023
Iscriviti alla Newsletter
 
Tutti gli Articoli
Cerca gli articoli nel sito:
 
 
Vedi tutti gli articoli