Gruppo Sciuker: la controllata Ecospace firma 24 nuovi contratti di appalto per 30 milioni di euro

- di: Daniele Minuti
 
Il Gruppo Sciuker ha reso noto, tramite un comunicato ufficiale, che la controllata Ecospace ha firmato 24 nuovi contratti di appalto per un valore lordo totale pari a 30 milioni di euro, raggiungendo in questo modo un ammontare complessivo di accordi sottoscritti di 134.

Gruppo Sciuker: Ecospace firma 24 nuovi contratti di appalto

La nota specifica che i contratti stipulati dall'inizio del 2022 ammontano a un totale lordo complessivo da 126 milioni di euro, rispetto all'obiettivo di fatturato annuale relativo al business superbonuss 110% di 68 milioni di euro per l'anno e di 88 milioni di euro per il 2023 (entrambi comunicati a metà febbraio).

Marco Cipriano
, Amministratore Delegato di Sciuker Group (nella foto), ha commentato: "Poter contare su un doppio binario per la cessione dei crediti fiscali, dopo il rinnovo dell’accordo strategico con la primaria global ESCo italiana, ci consente una netta accelerazione sulla time line di nuovi progetti. Per tutti gli appalti che firmeremo entro settembre, su cui riusciamo a garantire l’esecuzione entro la fine del 2023, continueremo ad applicare i contratti standard che prevedono la possibilità di pagamento integrale attraverso lo sconto in fattura. Tuttavia, abbiamo già pronti i nuovi contratti che da ottobre prevedranno l’eventuale pagamento diretto da parte dei committenti per quota parte delle opere realizzate dal 2024 in poi, quando - stante il perimetro normativo attuale - troveranno applicazione percentuali di trasformazione in credito fiscale inferiori al 110%. Voglio sottolineare quanto il Superbonus 110% si confermi comunque una misura positiva per il nostro Paese: da un recente rapporto dell’Ance, infatti, i dati che emergono quantificano che, da 38,7 miliardi di euro di detrazioni maturate, il costo del Superbonus 110% genera un ritorno economico calcolato in 124,8 miliardi di euro, senza contare il beneficio riguardante il Pil, l’occupazione ed il valore ambientale espresso in 979mila tonnellate di CO2 risparmiata a cantieri conclusi; a livello di business model siamo pronti a qualsiasi scenario, avendo attivato i massimi presidi per garantire le performance economiche che abbiamo settato come target. Siamo entusiasti del nostro contributo, in quanto general contractor, nel velocizzare la transizione energetica che oggi più che mai si conferma un obiettivo irrinunciabile a beneficio del pianeta e delle prossime generazioni. La nostra visione improntata al futuro ci ha permesso, infatti, di non fermarci e di vivere il nostro impegno anche come guida per lo sviluppo e la sensibilizzazione sui temi della transizione energetica e dell’efficientamento abitativo, perché crediamo davvero che un mondo migliore sia possibile e abbiamo scelto di partire dalle nostre abitazioni, che si attestano tra i peggiori nemici dell’ambiente".
Il Magazine
Italia Informa n° 5 - Settembre/Ottobre 2022
Iscriviti alla Newsletter
 
Tutti gli Articoli
Cerca gli articoli nel sito:
 
 
Vedi tutti gli articoli