Produzione industriale, Ufficio Studi Confcommercio: "Aprile da dimenticare con segno meno profondo"

- di: Barbara Bizzarri
 
Segno meno profondo ad aprile, quarto mese consecutivo di calo congiunturale per la produzione dell'industria italiana: -1,9%, che diventa addirittura -7,2% rispetto allo stesso mese dell’anno precedente. In diminuzione anche l’indice su base trimestrale: -1,3%. A sottolinearlo è l’Ufficio Studi di Confcommercio, che nell’analizzare il confronto con marzo evidenzia variazioni negative in tutti i comparti: dai beni intermedi (-2,6%) ai beni strumentali (-2,1%) e, in misura minore, dai beni di consumo (-0,4%) all'energia (-0,3%). Su base annua, la riduzione è modesta per i beni strumentali (-0,2%) e più marcata per energia (-12,6%), beni intermedi (-11%) e beni di consumo (7,3%).

Produzione industriale, Ufficio Studi Confcommercio: "Aprile da dimenticare con segno meno profondo"

Gli unici settori di attività economica in crescita tendenziale sono la fabbricazione di mezzi di trasporto (+5,7%), la fabbricazione di coke e prodotti petroliferi raffinati (+2,1%) e la produzione di prodotti farmaceutici di base e preparati farmaceutici (+0,6%). Le flessioni più ampie ci sono nell'industria del legno, della carta e della stampa (-17,2%), nella fornitura di energia elettrica, gas, vapore ed aria (-13,6%) e nella fabbricazione di prodotti chimici e nella metallurgia e fabbricazione di prodotti in metallo (-10,9% per entrambi i settori).

“Il netto calo rappresenta un indubbio campanello d’allarme sullo stato di salute della nostra economia - commenta l’Ufficio Studi di Confcommercio -. Dopo un primo trimestre molto al di sopra delle aspettative, i primi dati relativi al secondo quarto dell’anno evidenziano un rallentamento dell’attività. Situazione che, stando a quanto emerge dal sentiment di famiglie e imprese, potrebbe aver caratterizzato anche il mese di maggio. Dopo l’ondata di revisioni al rialzo per la crescita dell’anno in corso, ormai collocata sopra l’1%, è opportuno riflettere sulla circostanza che tale risultato non è scontato né già acquisito. L’inflazione, nonostante il processo di rientro sia ben impostato, si mantiene su livelli elevati e continua ad erodere le disponibilità delle famiglie. Allo stesso tempo le difficoltà di paesi come la Germania rischiano di impattare negativamente sul nostro sistema, né giovano i ritardi di realizzazione degli investimenti del Pnrr. In quest’ottica – conclude l’Ufficio Studi di Confcommercio - è necessario guardare con attenzione anche ai dati sul turismo che, nonostante un primo trimestre brillante in termini di variazioni rispetto allo scorso anno, segnalano ancora, per il primo trimestre, un ritardo nel numero di presenze del 2% rispetto ai livelli dello stesso periodo del 2019”.
Notizie della stesso argomento
Trovati 81 record
Pagina
1
19/07/2024
Rapporto 2024 “Italian Maritime Economy”: SRM presenta i nuovi scenari competitivi
19/07/2024
Leonardo: rinnovata la Certificazione del Sistema Anticorruzione
19/07/2024
IEG: al via cantiere per due strutture temporanee alla Fiera di Rimini
19/07/2024
Hera celebra i dieci anni di AcegasApsAmga: una storia di futuro per il Nordest
19/07/2024
Case in vendita in calo in Italia: Roma -10%, Milano in controtendenza con +3%
19/07/2024
Rapporto SIAE, Pasca (SILB-FIPE): “Settore sale da ballo in ripresa, ma serve trovare nuov...
Trovati 81 record
Pagina
1
Il Magazine
Italia Informa n° 3 - Maggio/Giugno 2024
Newsletter
 
Iscriviti alla nostra Newsletter
Rimani aggiornato su novità
eventi e notizie dal mondo
 
Tutti gli Articoli
Cerca gli articoli nel sito:
 
 
Vedi tutti gli articoli