Confartigianato Studi, elettricità Mpi +47,5% rispetto a media UE. Granelli: “Riformare oneri generali di sistema”

- di: Barbara Bizzarri
 
In Italia la crisi energetica ha fatto crescere i prezzi dell’elettricità più velocemente rispetto agli altri maggiori Paesi europei, portando ai massimi storici lo spread del prezzo pagato dalle micro e piccole imprese (MPI) italiane, e mettendo a rischio la competitività del primo Paese europeo manifatturiero per occupati in imprese fino a 50 addetti.

Confartigianato Studi, elettricità Mpi +47,5% rispetto a media UE. Granelli: “Riformare oneri generali di sistema”

L’analisi dei dati Eurostat sui prezzi del mercato non domestico evidenzia che, al secondo semestre 2022, in concomitanza con la fase acuta della bolla dei prezzi, nel segmento di riferimento per le  micro e piccola impresa che comprende consumi fino a 2.000 MWh all’anno, il prezzo dell’energia elettrica al netto dell’Iva supera del 47,5% la media dell’Eurozona, divario più che doppio rispetto quello dello stesso semestre dell’anno precedente (19,9%) quando i prezzi erano già in salita ma senza incorporare ancora le pesanti conseguenze  dell’invasione dell’Ucraina da parte della Russia, esplose nell’estate dello scorso anno. Lo spread elettrico ha superato il precedente massimo di dieci anni prima (43% nel secondo semestre del 2012). Se si valuta la dinamica rispetto al 2019, anno di benchmark precedente al triennio che comprende pandemia e crisi energetica, nel secondo semestre 2022 i prezzi dell’elettricità per le MPI sono saliti del 72,4% in Italia a fronte del +51,6% in Eurozona.

Il Presidente di Confartigianato Marco Granelli ha espresso “preoccupazione di fronte ad un dato Eurostat che nel secondo semestre del 2022 indica un +47,5% dei prezzi rispetto alla media dell’Eurozona per le micro e piccole imprese. Questo dovrebbe far riflettere sull’urgenza di una riforma strutturale del finanziamento degli oneri generali del sistema elettrico che li rimuova dalle bollette elettriche per evitare che il finanziamento delle energie rinnovabili e adesso dell’autoconsumo ricada sulle piccole imprese”.

La differente evoluzione della crisi energetica sul mercato italiano determina le più pesanti conseguenze sulla competitività delle MPI, proprio nel Paese che ha il maggiore numero di addetti nelle MPI manifatturiere. Nelle micro e piccole imprese fino a 50 addetti in Italia lavorano 1.894.000 addetti, in Germania 1.560.000, in Polonia 888.000, in Spagna 838.000 e in Francia 771.000. La quota di addetti nelle MPI nella manifattura è del 49,5% in Italia a fronte del 30,4% medio della media UE. La minore competitività derivante dalla diversa velocità di crescita dei prezzi è confermata dall’esame sui prezzi per il totale imprese, esaminati dall’Ufficio Studi nell’articolo ‘Bolla dei prezzi dell’energia più ampia in Italia e normalizzazione più lenta, pubblicato su QE-Quotidiano energia. Nell’ analisi del prezzo medio dell’energia elettrica per le imprese condotta da Arera nell’ultima Relazione annuale si evidenzia che “il differenziale rispetto all’Area euro del prezzo medio lordo ponderato rispetto ai consumi delle diverse classi, che si era attestato intorno al 20% negli anni 2020 e 2021 dopo avere raggiunto quota 32% nel 2019, balza in avanti di più di 20 punti percentuali, arrivando al 43%”. Il divario sale al 52,3% sui prezzi netti (costi di energia, vendita e rete): in Italia, a fronte di un aumento dei prezzi lordi in Italia del +78,4%, i prezzi netti salgono del 124,2%, il secondo maggiore aumento dopo quello della Grecia tra i paesi dell’Eurozona, e oltre trenta punti superiore al +92,1% osservato nell’area a valuta comune.

Il divario, seppur più contenuto, si riscontra anche sul prezzo del gas per le imprese: se nel 2021 in Italia si registrava un prezzo all inclusive inferiore del 7,3% alla media dell’Eurozona, nel 2022 il divario cambia di segno – a sfavore delle imprese italiane – e si colloca all’11,8%; per i prezzi netti il divario si amplifica, salendo al 30,0%. Nell’attuale fase di rientro dei prezzi, è auspicabile che la discesa sia altrettanto più intensa per l’Italia: infatti, osservando i prezzi al consumo si nota che anche a metà del 2023 il processo di normalizzazione non è ancora completato. A giugno 2023, in Italia, i prezzi al consumo di elettricità rimangono del 90,0% superiore alla media del 2019, un divario che è più che dimezzato in Eurozona, collocandosi al 42,4%.





Notizie della stesso argomento
Trovati 72 record
Pagina
1
18/07/2024
CDP, AFD e TSKB: accordo da 100 milioni per la ripresa post-terremoto della Turchia
17/07/2024
Terzo Settore, Fondazione EOS – Edison Orizzonte Sociale: 25 iniziative avviate
17/07/2024
Intesa Sanpaolo: 2,4 miliardi per le aziende sarde grazie a "Il tuo futuro è la nostra imp...
17/07/2024
Rapporto SIAE: nel 2023 la spesa più alta di sempre (4,2 miliardi, +37% sul 2022)
17/07/2024
Enel: l'AD Cattaneo conferma l'impegno del Gruppo in Brasile
17/07/2024
HBI annuncia un aumento di capitale fino a 15 milioni di euro
Trovati 72 record
Pagina
1
Il Magazine
Italia Informa n° 3 - Maggio/Giugno 2024
Newsletter
 
Iscriviti alla nostra Newsletter
Rimani aggiornato su novità
eventi e notizie dal mondo
 
Tutti gli Articoli
Cerca gli articoli nel sito:
 
 
Vedi tutti gli articoli