Evergrande a un passo dal default: passività per 300 miliardi di dollari

- di: Redazione
 
China Evergrande Group è di nuovo sull'orlo del default, con l'aspettativa di un intervento diretto dello Stato e di una ristrutturazione del debito. Dopo aver effettuato tre pagamenti, Evergrande oggi deve fare fronte a quello di di quote pari a 82,5 milioni di dollari. Ma con una dichiarazione, venerdì, lo sviluppatore immobiliare cinese ha reso noto che i creditori avevano chiesto 260 milioni di dollari e che non poteva garantire fondi sufficienti per il rimborso della cedola. Evergrande era un tempo lo sviluppatore più venduto in Cina, ma ora è alle prese con oltre 300 miliardi di dollari di passività, il che significa che un crollo potrebbe avere effetti anche oltre il comparto immobiliare.

Cina: Evergrande sempre più vicina al default

La sua dichiarazione di venerdì è stata seguita da quella delle autorità della provincia del Guangdong - dove ha la sua sede principale - che hanno affermato di avere mandato una squadra di esperti, su richiesta di Evergrande, per supervisionare la gestione del rischio, rafforzare il controllo interno e mantenere le operazioni.
Anche la banca centrale, il regolatore bancario e assicurativo e quello dei titoli hanno rilasciato dichiarazioni, affermando che il rischio per il più ampio settore immobiliare potrebbe essere contenuto.

Gli analisti hanno affermato che lo sforzo concertato delle autorità ha segnalato che Evergrande è probabilmente già entrata in un processo di ristrutturazione del debito gestito per ridurre il rischio sistemico.
Morgan Stanley in un rapporto ha affermato che un processo di questo tipo implicherebbe il coordinamento tra le autorità per mantenere il normale funzionamento dei progetti immobiliari e la negoziazione con i creditori onshore per garantire il finanziamento dello sviluppo e del completamento dei progetti.

Dopo la raffica di dichiarazioni, le azioni di Evergrande oggi sono scese del 15%, raggiungendo il valore più basso dal 2010. La sua obbligazione del novembre 2022, una delle due che potrebbero andare in default in caso di mancato pagamento oggi, è stata scambiata al prezzo di 20,787 centesimi di dollaro USA, rispetto ai 20,083 centesimi alla fine di venerdì.

Evergrande ha lottato per raccogliere capitali cedendo beni e il governo ha chiesto al presidente Hui Ka Yan di usare la sua ricchezza per ripagare il debito dell'azienda. L'azienda è solo uno dei tanti sviluppatori che affrontano una stretta di liquidità senza precedenti a causa dei limiti normativi sui prestiti, che causano una serie di inadempienze sul debito offshore, declassamenti del rating creditizio e vendite di azioni e obbligazioni degli sviluppatori.

Per prevenire ulteriori turbolenze, i regolatori da ottobre hanno esortato le banche a allentare i prestiti per le normali esigenze di finanziamento degli sviluppatori e hanno permesso a più società immobiliari di vendere obbligazioni nazionali. Uno sviluppatore immobiliare più piccolo, il Sunshine 100 China, oggi ha reso noto di essere inadempiente su un'obbligazione di 170 milioni di dollari USA in scadenza il 5 dicembre "a causa di problemi di liquidità derivanti dall'impatto negativo di una serie di fattori, tra cui l'ambiente macroeconomico e il settore immobiliare''. Le azioni di Sunshine 100 China hanno perso quasi il 3%.

Anche un altro sviluppatore, Kaisa Group, attraversa un periodo di grandi difficoltà, tanto da dovere comunicare di non essere riuscita a ottenere l'approvazione da parte degli obbligazionisti offshore per effettuare un'offerta di scambio delle sue obbligazioni offshore del 6,5% in scadenza il 7 dicembre, senza la quale ha detto che avrebbe rischiato il default. Lo sviluppatore ha avviato colloqui con alcuni detentori di obbligazioni offshore per estendere la scadenza per il rimborso del debito di 400 milioni di dollari.
Un altro protagonista del mercato immobiliare, China Aoyuan Property, la scorsa settimana ha anche affermato che i creditori hanno chiesto il rimborso di 651,2 milioni di dollari americani a causa di una serie di declassamenti del rating del credito e che potrebbe non essere in grado di pagare a causa della mancanza di liquidità.
Il Magazine
Italia Informa n° 6 - Novembre/Dicembre 2021
Iscriviti alla Newsletter
 
Le ultime Notizie