Giappone: suicida per troppo lavoro, Panasonic si scusa e paga

- di: Redazione
 
Panasonic ha accettato di pagare una somma (di entità che non è stata rivelata) alla vedova di un suo dipendente che, nel 2019, all'età di 43 anni, si è suicidato a causa della profonda depressione provocata dalle troppe ore di lavoro anche a casa. Nell'accordo raggiunto con la famiglia del lavoratore, Panasonic si è scusata per avere ''permesso'' al suo ambiente di lavoro di determinare un evento così tragico, ammettendo anche che l'azienda non era riuscita a riconoscere che stava imponendo impegni lavorativi così pesanti che i dipendenti si sentivano obbligati a portare il lavoro a casa.

Panasonic paga la vedova di un lavoratore suicida per troppo lavoro

Le autorità preposte ai controlli degli ambienti di lavoro e delle condizioni dei dipendenti si sono pronunciate a favore della richiesta di risarcimento da parte della famiglia della vittima a causa del "karoshi", come viene chiamata la ''morte per superlavoro'', ma non hanno trovato prove che l'azienda abbia costretto l'uomo a lavorare a casa. Il suicida lavorava in uno stabilimento di una società affiliata a Panasonic, con la qualifica di vice caposezione del dipartimento di tecnologia.

Entrato in fabbrica nel 2003 con un contratto a tempo determinato, l'uomo era stato assunto definitivamente nel 2009. Era stato, quindi, trasferito al settore tecnologico nell'aprile 2019, a seguito di una promozione.
Il nuovo incarico aveva comportato un cambiamento significativo nel carico di lavoro quotidiano dell'uomo. Tanto che, anche dopo aver lavorato duramente in ufficio, alla fine della giornata portava a casa il computer aziendale per cercare di portare a termine i suoi incarichi. Fino a quando, nell'ottobre di due anni fa, si è tolto la vita.

Gli ispettori del lavoro hanno stabilito che l'uomo era caduto in una grave depressione a causa della tremenda pressione che ha dovuto affrontare in seguito alla promozione, anche se hanno ritenuto che le ore che aveva lavorato a casa non contavano come lavoro straordinario.
"Lo ha fatto di sua volontà", ha detto un rapporto sulla questione. "Né ci sono indicazioni dell'esistenza di istruzioni implicite" per lavorare a casa.
Panasonic ha avviato la propria indagine esaminando i dati del computer del dipendente per determinare se l'uomo fosse costretto a lavorare anche dopo essere tornato a casa. Di conseguenza, ha riconosciuto che la sua responsabilità si estendeva oltre quanto ritenuto appropriato dalle autorità del lavoro.

Questo caso non è stato il primo decesso in Panasonic ad essere giudicato dalle autorità del lavoro come correlato al lavoro. Nel 2016, un dipendente sulla quarantina che lavorava anche in una fabbrica a Tonami, si è suicidato a causa delle sue lunghe ore di lavoro.
Alla richiesta di commentare l'ultimo caso, un rappresentante di Panasonic ha dichiarato: "Continueremo con i nostri sforzi a livello aziendale per prevenire il ripetersi di simili eventi". L'offerta da parte di Panasonic di scuse e denaro è arrivata mentre la vedova si preparava a intraprendere un'azione legale per chiedere un risarcimento per la sua morte. "Sospetto che fosse sotto pressione silenziosa per finire il suo lavoro portandolo a casa" - ha detto la donna - "Spero sinceramente che la sua morte spinga il governo centrale e la società a rivedere il modo in cui le persone lavorano, compresi gli straordinari che devono fare a casa".
Il Magazine
Italia Informa n° 6 - Novembre/Dicembre 2021
Iscriviti alla Newsletter
 
Le ultime Notizie