Su VKontakte, il Facebook russo passato a Gazprom, il controllo del Cremlino

- di: Redazione
 
L'operazione grazie alla quale Gazprom ha ottenuto il controllo della maggioranza delle azioni di VKontakte - il Facebook russo, con più di 100 milioni di utenti in tutto il mondo - ha di fatto aumentato la presa del Cremlino sui social network russi.

Russia: VKontakte passa a Gazprom

Dopo una serie di transazioni, Gazprom, attraverso le sue controllate, ha ottenuto più del 50% delle azioni di VKontakte, rendendo di fatto il social network un'impresa statale. L'operazione è stata perfezionata quando il miliardario russo Alicher Ousmanov ha venduto il 45% delle sue azioni del gruppo MF Technologies, la società che controlla VKontakte, alla compagnia assicurativa Sogaz, sussidiaria del colosso petrolifero statale Gazprom.

Allo stesso tempo, Gazprombank, braccio finanziario del colosso energetico, ha aumentato la propria partecipazione nel gruppo dal 36% al 45%, prima di affidare le proprie azioni a Gazprom-Media, il ramo media e comunicazione della casa madre. L'operazione non ha un grande valore economico, in quanto le due società Gazprom riceveranno meno del 5% degli utili. Si tratta soprattutto di farne uno strumento di influenza. Gazprom-Media possiede, infatti, già 38 televisioni e dieci stazioni radio.

VKontakte rimarrà "una società indipendente", ha assicurato in modo formale Gazprom-Media. Molto popolare nei paesi di lingua russa, il social network è stato creato nel 2006 da Pavel Durov e ha sempre cercato di sfuggire alle mani del potere. Già nel 2011, il social aveva dovuto pubblicare sulla stampa una lettera aperta dal titolo "VKontakte resterà indipendente" per rassicurare i suoi utenti, dopo l'arrivo di nuovi azionisti che non sembravano volersi opporre alle pressioni del Cremlino. Un anno dopo, i servizi di intelligence russi hanno chiesto al sito di bloccare gli account dell'avversario Alexeï Navalny. All'epoca la rete era il principale luogo di espressione dell'opposizione e di organizzazione di manifestazioni.

Come garante dell'indipendenza della sua azienda, Pavel Dourov ha rifiutato di cedere alle ingiunzioni dell'FSB, il potente servizio di intelligence russo. Nel 2013, i servizi hanno richiesto l'accesso ai conti degli attivisti ucraini impegnati in manifestazioni pro-europee in piazza Maidan a Kiev. Durov ha poi lasciato la Russia nel 2014, per non tornare mai più: da agosto è ufficialmente cittadino francese.
Il Magazine
Italia Informa n° 6 - Novembre/Dicembre 2021
Iscriviti alla Newsletter
 
Le ultime Notizie