Eduscopio: la classifica dei migliori licei e istituti tecnici italiani

- di: Barbara Leone
 
Promossi e bocciati. Questa volta, però, ad esser sotto esame non sono gli studenti ma i licei. A stilare la classifica delle migliori scuole superiori è Eduscopio, il motore di ricerca messo a punto dalla Fondazione Agnelli che ogni anno compila una dettagliata mappa virtuale delle migliori scuole italiane. L’indagine prende in considerazione le scuole secondarie di secondo grado che preparano meglio gli studenti alla carriera universitaria o, in alternativa, al lavoro dopo il diploma. E così scopriamo che le migliori scuole italiane sono quelle dei piccoli borghi, come il liceo scientifico Nervi-Ferrari in Valtellina, o affacciate sul lago d’Iseo, come il classico Decio Celeri a Lovere, in provincia di Bergamo. Nella Capitale la classifica dei licei classici è guidata dal Giulio Cesare, proprio quello della canzone di Venditti, che dal decimo posto dello scorso anno è balzato al primo posto superando il Tasso ed il Visconti. Sul fronte dei licei scientifici, invece, il podio è rimasto invariato rispetto al 2021: primo posto per l’Augusto Righi, secondo per il Morgagni, terzo per il Cavour. Esce dalla top ten il Nomentano, lo scorso anno in decima posizione, sostituito dal Talete. Per quanto riguarda invece i licei linguistici, in testa alla classifica 2022 di Eduscopio c’è il Renzo Levi, che scalza l’Edoardo Amaldi (primo lo scorso anno, secondo quest’anno).

Eduscopio: la classifica dei migliori licei e istituti tecnici italiani

Al terzo posto c’è il Virgilio, mentre il Terenzio Mamiani esce dalla classifica insieme con il San Giuseppe del Caburlotto per lasciare il passo al Bertrand Russell e al Lucio Lombardo Radice, rispettivamente nono e decimo posto. Per i licei delle scienze umane si conferma in testa il Giordano Bruno, mentre il Carducci finisce al nono posto. Riguardo agli istituti tecnici della Capitale per sbocchi universitari, in testa alla classifica ci sono il Livia Bottardi (tecnico-economico) e il Boaga. Ai primi posti tra gli istituti tecnici per sbocchi lavorativi ci sono Croce Aleramo, Michael Faraday, Da Verrazzano, Einstein. A Milano al primo posto fra i classici c’è il liceo di Comunione e liberazione Sacro Cuore, seguito dal Giulio Casiraghi di Cinisello, statale. Fra gli scientifici restano imbattibili il Leonardo e il Volta (entrambi statali), mentre il Sacro Cuore sfila il terzo posto al Vittorio Veneto. Fra i licei scientifici delle scienze applicate (quelli con l’informatica al posto del latino) resta in vetta l’Istituto della Comunità ebraica.

Sempre a Milano fra i linguistici si conferma al top la Civica Manzoni, seguita da una new entry, il liceo paritario Zaccaria. Fra i licei delle scienze umane si conferma il primo posto del Virgilio, secondo l’Erasmo da Rotterdam di Sesto San Giovanni, terzo il Tenca. Se si considerano gli sbocchi lavorativi, a Milano balza in testa l’istituto tecnico economico Regina Mundi (paritario), mentre il Primo Levi scende al secondo posto e il Falcone-Righi al terzo. Fra i tecnologici, primo l’Enrico Mattei di San Donato, secondo il Torricelli, terzo il Galvani. A Torino al vertice della classifica dei licei classici c’è lo storico Massimo D’Azeglio che supera il Cavour e l’Alfieri, nel 2021 rispettivamente al primo e secondo posto. Per gli scientifici si conferma il Galileo Ferraris, mentre lo Spinelli soffia al Cattaneo il secondo posto. Nella classifica dei licei delle scienze umane di Torino, primo posto per Curie, seguito da Domenico Berti e Maria Ausiliatrice. Per gli scientifici scienze applicate al top ci sono Altieri Spinelli, Carlo Cattaneo e Majorana Marro. Per quanto riguarda gli istituti tecnici (sbocco universitario) del capoluogo piemontese, il Curie è al primo posto tra quelli economici, Sella Aalto Lagrange nell’ambito dei tecnologici. Curie si conferma in testa anche per sbocchi lavorativi, mentre nell’ambito dei tecnologici c’è al primo posto l’Edoardo Agnelli. A Bologna, tra i licei classici, il Galvani supera il Minghetti. Tra gli scientifici svetta il Niccolò Copernico, seguito da Galvani, Enrico Fermi, Enrico Mattei e Augusto Righi. Al vertice dei licei delle scienze umane c’è l’Albert Bruce Sabin, seguito dall’Enrico Mattei.

La top 3 dei licei linguistici vede Galvani medaglia d’oro, Majorana d’argento e bronzo per Leonardo Da Vinci. Tra i migliori licei scientifici delle scienze applicate di Bologna ci sono Di Vittorio Lattanzio, Antonio Labriola e Vittoria Colonna. Tra i liceo delle scienze umane (opzione economico sociale): Leonardo Da Vinci, Margherita Di Savoia e Giordano Bruno. Tra gli istituti tecnici per tasso di occupazione, ai primi posti in area economica ci sono: John Maynard Keynes ed Enrico Mattei. In ambito tecnologico: Ettore Majorana, Belluzzi e Aldini Valeriani. I migliori licei classici di Firenze sono: Michelangiolo, Is Alberti Dante, Galileo. Gli scientifici: Niccolò Machiavelli, Guido Castelnuovo, Leonardo Da Vinci. I migliori licei delle scienze umane sono Niccolò Machiavelli e Anna Maria Enriques Agnoletti, tra i licei linguistici svettano Niccolò Machiavelli, Giovanni Pascoli e Russell-Newton. Top 3 dei licei scientifici delle scienze applicate di Firenze: Leonardo Da Vinci, Gobbetti Volta e Antonio Gramsci. Per i licei delle scienze umane opzione economica sociale: Niccolò Machiavelli, Giovanni Pascoli e Istituto Salesiano dell’Immacolata. Migliori istituti tecnici area economica di Firenze (sbocco universitario): Galileo Galilei, Bobetti Volta e Hiuseppe Peano. Migliori istituti tecnici area tecnologica (sbocco universitario): Russell Newton, Salvemini Duca D’Aosta e Morante Ginori Conti. Migliori istituti tecnici area economica (sbocco lavorativo): Gobetti Volta, Piero Calamandrei e Russell Newton. Migliori istituti tecnici area tecnologica (sbocco lavorativo): Antonio Meucci, Leonardo Da Vinci e Cellini Tornabuoni. A Napoli i migliori licei classici sono: Jacopo Sannazaro, Umberto I e Convitto Vittorio Emanuele II. I migliori licei scientifici: Giuseppe Mercalli, Convitto Vittorio Emanuele II e Gian Battista Vico. Migliori licei delle scienze umane di Napoli sono Comenio, Artemisia Gentileschi e Giordano Bruno. Migliori linguistici: Carlo Urbanim Suor Orsola Benincasa ed Eleonora Pimentel Fonseca. Tra i licei delle scienze applicate di Napoli svettano Rosario Livatino e Renato Caccioppoli. Scienze umane opzione economico sociale: Rocco Scotellaro e Antonio Genovesi. Istituti tecnici economici (sbocco universitario): Pagano Bernini ed Enrico De Nicola. Istituti tecnici tecnologici: Della Porta Porzio ed Elena Di Savoia. Per sbocco lavorativo Modigliani e Santo Stefano (area economica), Santa Maria e Augusto Righi (tecnologici). Quest’anno Eduscopio misura anche gli effetti del Covid sulla scuola: “I dati ci dicono che il Covid ha avuto forti ripercussioni sui percorsi dei diplomati degli istituti tecnici e professionali che hanno scelto di cercare lavoro - ha detto il direttore della Fondazione Agnelli Andrea Gavosto -: il tasso di occupazione calcolato da Eduscopio per i diplomati del 2019 che hanno cercato l’impiego in piena pandemia risulta dell11% più basso rispetto ai diplomati del 2017. Dopo il forte calo degli apprendimenti registrato dall’Invalsi nel 2021 e 2022, la pandemia rischia dunque di lasciare segni profondi anche sulle prospettive di lavoro di questa generazione”. Per la nuova edizione sono stati analizzati i dati di 1.289.000 diplomati italiani di 7.700 scuole in tre successivi anni scolastici (2016/2017, 2017/2018, 2018/2019). Si tratta quindi di studenti che hanno fatto la maturità prima dell’era Covid, ma nel caso dei diplomati a giugno 2019 anche delle prime matricole che hanno dovuto fare i conti con gli effetti del lockdown scattato a marzo 2020.

Il Magazine
Italia Informa n°6 - Novembre/Dicembre 2022
Iscriviti alla Newsletter
 
Tutti gli Articoli
Cerca gli articoli nel sito:
 
 
Vedi tutti gli articoli