Tavares fa autocritica sulle strategie aziendali di Stellantis

- di: Redazione
 
Carlos Tavares, amministratore delegato di Stellantis, nel corso di un evento con investitori, ha espresso insoddisfazione per il funzionamento di alcuni stabilimenti statunitensi, ma soprattutto si è assunto la responsabilità di non aver reagito abbastanza rapidamente per affrontare la contingenza legata anche alle scorte,
''Quando dico che eravamo arroganti, parlo di me stesso, di nessun altro. Sto parlando del fatto che avrei dovuto agire immediatamente'', ha detto Tavares.
"Se hai una strategia di marketing non ottimale, nel momento in cui il tuo inventario cresce, pensi di poter risolvere ciascuno dei problemi isolatamente, ma quando le cose accadono contemporaneamente, è più difficile'', ha riconosciuto.

Tavares fa autocritica sulle strategie aziendali di Stellantis

Tavares ha affermato che le inefficienze degli impianti in termini di fornitura, qualità e costi sarebbero diventate evidenti nell'autunno del 2023 con il deterioramento delle condizioni di mercato quando la casa automobilistica e i suoi concorrenti statunitensi erano bloccati nelle trattative con la United Autoworkers Union.
Stellantis, il produttore di Jeep e camioncini Ram , è in difficoltà, con le spedizioni globali del primo trimestre in calo del 10% rispetto all’anno precedente a 1,34 milioni, e i ricavi in calo del 12% a 41,7 miliardi di euro (44,8 miliardi di dollari). Le vendite negli Stati Uniti, un grande generatore di cassa, sono diminuite del 14%, poiché la quota di mercato è scesa al 7,7%, il livello più basso degli ultimi anni.

La casa automobilistica, nata nel 2001 dalla fusione di Fiat-Chrysler con PSA-Peugeot, a febbraio sostituirà il direttore operativo nordamericano con Carlos Zarlenga, che era presidente di Stellantis Mexico.
Tavares ha affermato che la strategia della piattaforma multi-energia dell’azienda, compresi gli ibridi completamente elettrici e plug-in gas-elettrici, aiuterà la competitività di Stellantis di fronte all’offensiva cinese dei veicoli elettrici, che secondo lui è stata più veloce di quanto si aspettasse.

Per l'ad di Stellantis le case automobilistiche si devono confrontare con governi nazionali che adottano politiche molto diverse sui veicoli elettrici anche all’interno dell’Unione Europea. Scelte che, ha detto, hanno portato a quote di mercato che variano dal 2% in Italia, al 15% in Francia e al 40% in Scandinavia.
Tuttavia, ha affermato che la quarta casa automobilistica più grande del mondo ''lotterebbe per rimanere competitiva'' piuttosto che fare affidamento sui dazi come protezione.
Notizie della stesso argomento
Trovati 5 record
24/07/2024
Nel primo semestre, Porsche registra un calo dei profitti
24/07/2024
Auto elettriche: le azioni dei produttori cinesi affondano dopo i dati negativi di Tesla
23/07/2024
Il mercato dei veicoli trainati torna in positivo a giugno (+4,1%)
18/07/2024
Mercato auto Europa, a giugno torna in positivo (+3,6%)
18/07/2024
Cofle lancia nuova gamma di Electronic Parking Brakes
Trovati 5 record
Il Magazine
Italia Informa n° 3 - Maggio/Giugno 2024
Newsletter
 
Iscriviti alla nostra Newsletter
Rimani aggiornato su novità
eventi e notizie dal mondo
 
Tutti gli Articoli
Cerca gli articoli nel sito:
 
 
Vedi tutti gli articoli