Elezioni 2022 - Chi ha detto cosa (22 settembre)

- di: Diego Minuti
 
Giorgia Meloni

Profondo dolore per la morte di Mahsa Amini, giovane curda in vacanza con la famiglia in Iran, a Teheran. Mahsa è morta a causa delle percosse subite dopo essere stata arrestata dalla polizia religiosa iraniana, solo perché le usciva dal velo una ciocca di capelli.

Maria Stella Gelmini

A Giorgia spesso scappa il pedale, se le succederà anche da premier il danno per l’Italia sarà gigantesco. Prova a riposizionarsi, poi va a braccetto con Orban. Un esecutivo di destra non durerebbe più di un anno e ci isolerebbe economicamente.

Luigi Di Maio

Le parole di Putin sono un segno di debolezza e temo che possano impattare ulteriormente sul costo dell’energia per tutta l’Europa e non solo. Dobbiamo continuare a perseguire la pace, sempre nel solco delle Nazioni Unite, la cui regia ha portato all’accordo sul grano. E ora va firmata l’intesa per il tetto massimo sui prezzi del gas. I toni di Putin sono inquietanti, perché dimostra di essere uno che non si vuole fermare. Solo ora capiamo davvero quanto è importante essersi messi subito dalla parte giusta, mentre in Italia ci sono partiti e leader che ammiccano a Putin.

Giorgia Meloni

A qualcuno, evidentemente, dà fastidio che Fratelli d’Italia abbia riempito piazze in tutta Italia, dal nord al sud.

Enrico Letta

Sono stato preso in giro per il bus elettrico: meglio un pisano che gira con il bus elettrico in campagna elettorale rispetto a un fiorentino che la fa con i jet privati...

Carlo Calenda

Enrico Letta: sono settimane che dici che votare noi è come votare la Meloni, che siamo truffatori, che chi non vota voi è amico di Putin e No Vax e la campagna rabbiosa è la nostra? Rilevare le contraddizioni della coalizione e l’inseguimento dei 5S è politica, non rabbia.

Matteo Renzi

Letta ha detto che Renzi vuole distruggere il Pd. No caro Enrico, fai tutto da solo. Hai proposto di aumentare le tasse, una follia. Abbiamo tasse più alte della media europea. Il Pd aveva fatto il Jobs Act che, unito a Industria 4.0, ha creato un milione di posti di lavoro e oggi lo rinnega. Oggi dicono che sono per il reddito di cittadinanza, non è che cambiano idea, ormai possono cambiare nome in M5S, sono il loro 'generico'. Stanno facendo campagna per Meloni o per M5S.

Enrico Letta

Conte non sopportava di avere Draghi come successore a Palazzo Chigi e alla fine ci è riuscito a farlo cadere; Berlusconi e Salvini hanno pensato di avere più margine di manovra.

Luigi de Magistris


La lotta alla mafia e alla corruzione non sono centrali, e secondo me volutamente, perché il Pnrr è anche un’occasione per le mafie per cementare il rapporto tra la borghesia mafiosa, la politica, le istituzioni, l’economia e la finanza. Forse è uno di quei momenti in cui si preferisce stare zitti e buoni e magari fare nuove trattative.

Silvio Berlusconi


Non permetteremo a nessun costo e in nessun caso che gli aumenti dell'energia si scarichino sulle bollette pagate da imprese e famiglie con conseguenze molto molto gravi e un costo molto più alto rispetto a un intervento sul gas.

Carlo Calenda

Vorrei prendere un voto che sia robustamente sopra le due cifre. Dodici, tredici, quattordici per cento. Vediamo.

Nicola Fratoianni

Dovremmo lavorare a ricostruire un profilo politico, insieme col Pd, partendo dal Movimento 5 stelle. Anche da Calenda e Renzi? La lista di Renzi e Calenda non è espressione della destra italiana, nonostante alcune posizioni. Quindi se si dovesse costruire un’alternativa alla destra… Del resto io mi ero battuto per un’alleanza più larga, anche con loro.
Il Magazine
Italia Informa n° 5 - Settembre/Ottobre 2022
Iscriviti alla Newsletter
 
Tutti gli Articoli
Cerca gli articoli nel sito:
 
 
Vedi tutti gli articoli