Chip: in settembre crolla il mercato delle auto in Europa

- di: Redazione
 
I principali mercati europei dell'auto hanno registrato in settembre un crollo che gli esperti addebitano alla crisi globale dei semiconduttori, che ha fortemente rallentato la produzione. Le flessioni (nel periodo settembre 2020-settembre 2021) sono state a doppia cifra, con il picco registrato in Italia, con -32,7 per cento, seguita da Germania (-25,7%), Francia (-20,5%) e Spagna (-15,7%).

Crisi dei chip: crolla il mercato auto in Europa per settembre

A settembre, quindi, il mercato automobilistico europeo è tornato ai livelli del 1995 con 718.598 nuove auto vendute, un calo del 23,1% in un anno. Il dato è stato fornito, oggi, dall'Associazione dei produttori europei, in un comunicato stampa. venerdì (15 ottobre).

Dall'inizio dell'anno sono stati venduti oltre 7,5 milioni di veicoli, ovvero 500.000 veicoli in più rispetto allo scorso anno nello stesso periodo.
Nel settore automobilistico è molto forte la richiesta di componenti per veicoli sempre più dotati di sistemi elettronici, dal motore all'ABS, passando per gli airbag e l'assistenza al parcheggio. Tuttavia, in un contesto di ripresa dell'attività dopo la revoca delle restrizioni sanitarie, i produttori si trovano in concorrenza con altre industrie avide di chip - computer, smartphone, oggetti connessi - che si accaparrano gran parte di queste parti prodotte per la maggior parte in Asia.

A meno che questa carenza "non possa essere risolta rapidamente, le prospettive dovrebbero essere ulteriormente ridotte" nel mese di ottobre, secondo una nota ufficiale della British Association of Builders. Una situazione che "dovrebbe durare per buona parte del 2022", soprattutto perché "nuovi focolai della variante Delta del Covid colpiscono i principali Paesi produttori (di semiconduttori, ndr) dell'Asia orientale".
A settembre, solo il gruppo Hyundai-Kia ha registrato vendite superiori rispetto all'anno scorso.

Nei primi nove mesi dell'anno i leader Volkswagen e Stellantis galleggiano con un aumento delle vendite dell'8,1% per il gruppo tedesco e dell'8,3% per quello franco-italo-americano, dopo i dati catastrofici del 2020.
Casa per casa, Renault ha registrato vendite in calo dall'inizio dell'anno per il 6,5%; Daimler per il 5,6%; Ford per l'11,2%; Nissan per il 12,4%). Di contro, BMW-Mini ha registrato un aumento del 10,9%, Toyota del 19,8% e Volvo del 7,4%.
Il Magazine
Italia Informa n° 5 - Settembre/Ottobre 2021
Iscriviti alla Newsletter
 
Le ultime Notizie