Destination Italia, primo semestre 2022: ricavi in crescita pari a 7,1 mln di euro (+692%)

- di: Barbara Leone
 
Un primo semestre che rappresenta una boccata d’ossigeno per Destination Italia S.p.A., società italiana leader nel turismo incoming di qualità e nel turismo esperienziale per tour operator e agenzie di viaggio internazionali. E’ ciò che si evince dalla Relazione semestrale consolidata al 30 giugno 2022 approvata dal Consiglio di Amministrazione del Gruppo e sottoposta volontariamente a revisione contabile limitata. “I risultati del primo semestre 2022 - ha dichiarato Giulio Valiante,  Presidente di Destination Italia - hanno registrato un netto miglioramento rispetto all’anno precedente e le prospettive per fine anno sono più che confortanti benché ancora lontani dai valori pre-Covid dato lo stato di emergenza perdurato fino al 31 marzo 2022. La Società ha certamente beneficiato delle positive condizioni di mercato derivanti dalle progressive aperture, nel secondo semestre dell’anno, rese possibili dall’attenuarsi del Covid-19. Tuttavia - ha sottolineato Valiante - un grosso merito del successo è da attribuire anche alle strategie aziendali messe in campo dal management per fronteggiare l’epidemia prima, e per bilanciare gli effetti del conflitto russo-ucraino dopo; strategie che hanno puntato sull’innovazione tecnologica, sulle partnership strategiche e sull’apertura di nuovi mercati, oltre al potenziamento di quelli già presidiati, con clienti che oggi provengono da oltre 100 Paesi”.

Come sappiamo i primi sei mesi del 2022 sono stati caratterizzati da una forte ripresa del turismo globale, anche verso l’Italia, confermando il trend già evidenziato nella seconda metà del 2021. Destination Italia ha saputo beneficiare di tale contesto di dinamismo e crescita evidenziando Ricavi al 30 giugno 2022 per 7,1 milioni di Euro (+692% rispetto ai 0,9 milioni dei primi sei mesi del 2021) e che, pur non tenendo ancora in conto i rilevanti flussi di turisti propri dell’alta stagione, è paragonabile a quello realizzato in tutto l’esercizio 2021. A conferma della tendenza molto positiva di mercato, alla data odierna il portafoglio ordini del Gruppo al lordo iva ha superato i 25 milioni di Euro complessivi, con un incremento del 331% rispetto ai 5,8 milioni di Euro dell’analogo periodo 2021 e con un aumento di 5,0 milioni rispetto al portafoglio al 31 luglio 2022 (comunicato il 2 agosto 2022), anche questi importi relativi al portafoglio ordini sono esposti al lordo iva. Dal punto di vista geografico, l’Europa è la prima regione con il 27% di prenotazioni, seguita dal Nord America con il 24%. Tra i singoli paesi di origine delle prenotazioni spiccano Stati Uniti, Brasile, Spagna, Canada, Australia, Regno Unito e Penisola Araba. Anche le prenotazioni Italia su Italia hanno contribuito a bilanciare il portafoglio ordini. Con riferimento alle linee di business, prosegue la crescita di “SONO Travel Club”, il brand che si rivolge al segmento del turismo di lusso, che oggi contribuisce per oltre il 34% del valore delle prenotazioni, con il rimanente 66% generato dalle linee di business “XML” (la piattaforma di prenotazione automatica machine- to-machine) e “Destination Italia” (la linea di business tradizionale del gruppo). L’EBITDA si attesta a Euro -0,8 milioni, in miglioramento del 7% rispetto a Euro -0,86 milioni al 30 giugno 2021.

Il miglioramento è dovuto essenzialmente all’incremento del fatturato. Si precisa che la Società, ai sensi della Legge di Bilancio per l’anno 2022, si è avvalsa della possibilità di sospendere le quote di ammortamento per le immobilizzazioni materiali e immateriali, per gli anni 2020- 2021 per un importo complessivo pari a Euro 1,5 milioni (Euro 1 milione relativi alla Capogruppo e Euro 0,5 milioni relativi alla società Controllata). Conseguentemente è stata iscritta la riserva indisponibile degli ammortamenti non effettuati della Capogruppo per Euro 1 milione e, relativamente agli ammortamenti sospesi della Controllata, è stata resa indisponibile quota parte della riserva “Sovraprezzo Azioni” (Euro 0,5 milioni). Il Risultato ante imposte segna un saldo negativo di Euro -1,4 milioni (Euro -1,2 milioni al 30 giugno 2021). Il Risultato Netto è pari a Euro -1,4 milioni, -6% rispetto a Euro -1,3 milioni al 30 giugno 2021. Il Gruppo registra una Posizione Finanziaria Netta cash positive pari a Euro 0,86 milioni, in miglioramento (+155%) rispetto alla posizione finanziaria netta, sempre cash positive, di Euro 0,34 milioni al 31 dicembre 2021.

Infine il Patrimonio Netto, che è pari a Euro 4,6 milioni rispetto a Euro 6,0 milioni al 31 dicembre 2021.
Riguardo allo scenario competitivo del prossimo futuro, se le prospettive sono sicuramente positive relativamente al Covid 19 visto che pare stiano decadendo le varie limitazioni imposte a livello nazionale ed internazionale l’incertezza derivante dallo scenario geopolitico attuale sta già avendo effetti sugli scambi commerciali e sul settore del turismo. Sebbene la Russia abbia rappresentato nel passato una rilevante porzione del fatturato complessivo, il Gruppo ha da tempo avviato iniziative, ed altre sono in corso, per ridurne l’esposizione e per compensare i rischi derivanti dall’attuale conflitto, concentrando gli sforzi commerciali verso altri mercati. Le misure messe in atto sul lato commerciale per lo sviluppo delle vendite, dell’innovazione tecnologica, dell’arricchimento del portafoglio di prodotti “esperienziali”, delle partnership strategiche, della riduzione dei costi, sul fronte delle fonti di finanziamento, unitamente alla liquidità esistente ed all'assenza di indebitamento finanziario a breve termine, fanno dunque ritenere che il Gruppo possa far fronte ad eventuali criticità future provenienti dal mercato, proseguendo nel proprio sviluppo con relativa serenità.
Il Magazine
Italia Informa n° 5 - Settembre/Ottobre 2022
Iscriviti alla Newsletter
 
Tutti gli Articoli
Cerca gli articoli nel sito:
 
 
Vedi tutti gli articoli