Ariston Group, i risultati del quarto trimestre 2022 fanno volare ricavi e EBIT: +19,7% e + 9,4% rispetto al 2021

- di: Barbara Leone
 
Numeri da record per Ariston Group, grazie agli eccellenti risultati del quarto trimestre 2022. E’ quanto si evince dalla relazione annuale per l’esercizio conclusosi il 31 dicembre 2022 che è stata approvata oggi dal Consiglio di Amministrazione del Gruppo. “I risultati del primo anno dopo la quotazione in Borsa, frutto della combinazione di una robusta crescita organica con un'acquisizione trasformativa, dimostrano ancora una volta la forza della nostra strategia - ha commentato Paolo Merloni, Presidente Esecutivo di Ariston Group -. Con l'aggiunta pro-forma di Centrotec Climate Systems, il fatturato è già oltre 3 miliardi di euro, con una solida redditività”.

Ariston Group, i risultati del quarto trimestre 2022 fanno volare ricavi e EBIT

Gli fa eco Laurent Jacquemin, Ceo di Ariston Group: “Abbiamo ottenuto ottimi risultati, crescendo nei nostri mercati principali nelle soluzioni rinnovabili e ad alta efficienza, soprattutto in Europa - ha aggiunto Jacquemin - Abbiamo anche gestito al meglio un contesto di supply chain estremamente complesso, adattandoci a un ecosistema in rapida evoluzione e tenendo come stella polare il servizio ai nostri clienti”. Nel dettaglio i ricavi netti sono stati pari a 2.378,8 milioni di euro, con una crescita del 19,7% rispetto ai 1.987,3 milioni di euro registrati nel 2021. La crescita è stata più forte nel Thermal Comfort rispetto alle altre due divisioni e si è concentrata in Europa e in Asia/Pacific & MEA. I cambi hanno contribuito con un effetto positivo (+3,9%); l'estensione del perimetro di consolidamento corrisponde a Chromagen, acquisita a gennaio e consolidata per l'intero anno. L'EBITDA si è attestato a 283,5 milioni di euro, in crescita del 14,8% rispetto ai 246,9 milioni di euro dell'anno precedente, mentre l'EBIT si è attestato a 193,7 milioni di euro, in aumento del 13,2% rispetto ai 171,2 milioni di euro del 2021.

Questi margini sono presentati anche in forma rettificata, più adatta ad apprezzare l'andamento della normale gestione aziendale, con l'esclusione di costi o ricavi non rappresentativi; le rettifiche più significative per il 2022 sono costi straordinari legati all’alluvione di settembre in due stabilimenti (al netto di un rimborso assicurativo preliminare), spese connesse all’attività di M&A, e, per l'EBIT, l'ammortamento della PPA. L'EBITDA adjusted si è attestato a 305,3 milioni di euro, con una crescita del 10,8% rispetto ai 276,8 milioni di euro registrati nel 2021, con una diminuzione del margine sui ricavi netti dal 13,9% al 12,8%. L'EBIT adjusted si è attestato a 222,6 milioni di euro, in crescita del 9,4% rispetto ai 203,4 milioni di euro del 2021. Il corrispondente margine sui ricavi netti è passato dal 10,2% al 9,4%. La diluizione derivante dalle fusioni e acquisizioni, l'aumento delle spese commerciali, generali e amministrative per sostenere la crescita, l'aumento dei prezzi delle materie prime registrato subito dopo l'invasione russa dell'Ucraina e l'ulteriore impennata dei prezzi dell'energia sono stati mitigati dalla leva operativa e dalle iniziative di pricing, soprattutto nell'ultima parte dell'anno. L'utile netto dell'anno ha raggiunto 140,3 milioni di euro, il 2,9% in più rispetto ai 136,3 milioni di euro del 2021. L'aliquota fiscale consolidata corrispondente è stata del 22,0%, contro il 17,6% insolitamente basso dell'anno precedente, conseguenza di un beneficio fiscale una tantum.

Il free cash flow dell'anno è stato pari a 63,4 milioni di euro, rispetto agli 88,3 milioni di euro del 2020. Il calo rispetto all'anno precedente è legato a un livello medio più elevato di capitale circolante netto sulle vendite, ma come previsto l'ultimo trimestre dell'anno è stato fortemente positivo (+125,7 milioni di euro). L'indebitamento finanziario netto (calcolato secondo le linee guida ESMA 32-382-1138) è passato da 149,0 milioni di euro di liquidità netta al 31 dicembre 2021 a 60,2 milioni di euro di liquidità netta al 31 dicembre 2022, riflettendo il free cash flow ma anche il pagamento di Chromagen, l’acquisizione della quota residua di HTP, i dividendi agli azionisti e l'acquisto di 1,5 milioni di azioni proprie a servizio dei piani di incentivazione a lungo termine dei prossimi anni. A titolo di confronto, applicando il metodo di calcolo utilizzato prima dell'adozione delle linee guida ESMA, la posizione finanziaria netta è passata da 184,8 milioni di euro di liquidità netta a 98,9 milioni di euro di liquidità netta. La differenza principale è l'inclusione da parte dell'ESMA, tra le passività, delle opzioni put e call relative alle acquisizioni e della componente positiva del mark-to-market sui derivati.

Il Consiglio di amministrazione proporrà all'Assemblea generale un dividendo di 13 centesimi di euro per azione. Il dividendo, se approvato dall'Assemblea generale, sarà messo in pagamento il 24 maggio 2023, con record date il 23 maggio 2023 e data di stacco della cedola il 22 maggio 2023. Ai fini fiscali, ove pertinente, il dividendo sarà prelevato dall'utile netto del 2022. Per quanto riguarda gli eventi significativi successivi alla fine del periodo si segnala che il 2 gennaio 2023 Ariston ha acquisito Centrotec Climate Systems (marchi Wolf, Brink, Ned Air e Pro-Klima). Il prezzo dell'acquisizione pagato al closing è stato di 635,05 milioni di euro in contanti più 41.416.667 azioni Ariston Holding N.V. emesse con un aumento di capitale dedicato. Il Consiglio di amministrazione ha deliberato inoltre di convocare l'Assemblea generale annuale il 4 maggio 2023 per approvare la relazione annuale che comprende, inter alia, il bilancio al 31 dicembre 2022, l'informativa non finanziaria, la relazione sulla corporate governance e la relazione sulla remunerazione. Il CdA ha infine deliberato di proporre all'Assemblea generale l'approvazione del Piano LTI 2023. Il piano prevede l'assegnazione di un totale di massimo 9,5 milioni di euro (a target) a determinati beneficiari. Gli organi competenti saranno autorizzati ad attuare il piano entro il 31 dicembre 2023. I relativi dettagli saranno disponibili nel Documento Informativo ai sensi dell'art. 114-bis del TUF che sarà pubblicato sul sito internet del Gruppo Ariston.

Notizie della stesso argomento
Trovati 70 record
Pagina
1
18/06/2024
Generalfinance acquisisce il 96% del capitale di Workinvoice
18/06/2024
SYS-DAT: fissato l'intervallo di prezzo delle azioni compreso fra 3,20 e 3,80 euro
17/06/2024
VESTA annuncia due nuove aperture per l'estate 2024
17/06/2024
Nexi ed Engineering lanciano Nova, piattaforma evoluta di digital banking
17/06/2024
Basket Bond ESG: da UniCredit e CDP 42 milioni per sostenere le imprese
17/06/2024
Assolombarda: "Scuole di competenze e valori d’impresa per arginare gap tra domanda e offe...
Trovati 70 record
Pagina
1
Il Magazine
Italia Informa n° 2 - Marzo/Aprile 2024
Newsletter
 
Iscriviti alla nostra Newsletter
Rimani aggiornato su novità
eventi e notizie dal mondo
 
Tutti gli Articoli
Cerca gli articoli nel sito:
 
 
Vedi tutti gli articoli