Energia: nel deserto indiano sorgerà il più grande progetto di rinnovabili

- di: Redazione
 
Nel grande deserto salato, che separa India e Pakistan, sorgerà , in tre anni, il più grande progetto di energia rinnovabile del mondo. Al progetto di energia solare ed eolica è stato dato il nome Khavda, dal villaggio più vicino al sito del progetto.

Energia: nel deserto indiano sorgerà il più grande progetto di rinnovabili

Sul posto, sono al lavoro migliaia di operai che stanno installando pilastri destinati a diventare il supporto per su cui verranno montati i pannelli solari. Altre squadra di lavoratori stanno costruendo le fondamenta per l'installazione di enormi turbine eoliche.

Secondo la ''scheda'' ufficiale, una volta completato, il progetto si estenderà su un'area gigantesca, 726 chilometri quadrati, per una spesa stimata, ai costi attuali, di 2,26 miliardi di dollari.
Il sito si trova nel mezzo del Rann of Kutch, nello stato del Gujarat, nell’India occidentale. Il Rann è un deserto salato e paludoso ad almeno 70 chilometri dall'insediamento umano più vicino, ma a breve distanza da uno dei confini internazionali più tesi del mondo, quello indo-pakistano. Una volta completato, fornirà 30 gigawatt di energia rinnovabile all’anno, sufficienti ad alimentare quasi 18 milioni di case indiane.

Allo stato attuale, l’India - che insieme a Cina e Stati Uniti è il Paese che genera le più grandi emissioni di gas - ancora alimentata principalmente da combustibili fossili, in particolare carbone, che generano oltre il 70% dell’elettricità indiana. L’energia rinnovabile attualmente contribuisce per circa il 10% al fabbisogno elettrico dell’India.
Il Magazine
Italia Informa n°6 - Novembre/Dicembre 2023
Iscriviti alla Newsletter
 
Tutti gli Articoli
Cerca gli articoli nel sito:
 
 
Vedi tutti gli articoli