Piano Mattei: Ifc e Fondo Italiano con Eni per sostenere biocarburanti e agricoltori in Kenya

- di: Barbara Bizzarri
 
La International Finance Corporation (Ifc) e il Fondo italiano per il clima hanno annunciato un investimento di 210 milioni di dollari nella controllata keniota di Eni S.p.A. per espandere la produzione e la lavorazione di biocarburanti avanzati, sostenendo la decarbonizzazione del sistema globale dei trasporti e garantendo al tempo stesso il sostentamento di fino a 200 mila piccoli coltivatori di oleaginose keniani. L’investimento consiste in 135 milioni di dollari da parte di Ifc e 75 milioni di dollari mobilitati dal Fondo italiano per il clima, come parte dell’attuazione del Piano Mattei del governo italiano in Kenya. Ciò consentirà a Eni di aumentare sia la produzione di materie prime avanzate per biocarburanti (agrifeedstock) coltivate in Kenya sia la capacità di lavorazione attraverso la costruzione di nuovi impianti di spremitura. Si prevede che la produzione di semi oleaginosi, che è la materia prima primaria, aumenterà da 44 mila tonnellate a 500 mila tonnellate all’anno.

Piano Mattei: Ifc e Fondo Italiano con Eni per sostenere biocarburanti e agricoltori in Kenya

“Grazie alla collaborazione con Ifc e Fondo Italiano per il Clima, Eni potenzia ulteriormente i suoi progetti di agrifeedstock in Kenya, espandendone la portata fino a 200 mila piccoli agricoltori keniani nei prossimi cinque anni, e rafforza l’integrazione del Paese nella catena del valore dei biocarburanti”, ha affermato Claudio Descalzi, amministratore delegato di Eni (nella foto). “Questa cooperazione – ha proseguito – si adatta al modello di Eni che fa leva sulle partnership pubblico-privato per sostenere le comunità, generare valore a lungo termine e creare alleanze virtuose e durature con i paesi africani”.“Accogliamo con favore questa prima operazione del Fondo Italiano per il Clima, istituito presso il ministero dell’Ambiente e della sicurezza energetica e gestito dalla Cassa depositi e prestiti”, ha affermato Gilberto Pichetto, ministro dell’Ambiente e della sicurezza energetica. “Questa prima operazione, in linea con i principi ispiratori del Piano Mattei, coglie due grandi priorità: investire nella filiera strategica dei biocarburanti, decisiva per il futuro dei trasporti, e affrontare la crescita del settore agricolo del Kenya con un intervento di indubbio impatto socio-ambientale, rafforzando la resilienza ai cambiamenti climatici”, ha concluso.

Il progetto lavorerà anche con gli agricoltori, fornendo input, meccanizzazione, logistica, certificazione e formazione per aiutarli a produrre semi oleaginosi, che vengono coltivati su terreni degradati non adatti alla produzione alimentare e/o coltivati in rotazione con colture alimentari, contribuendo a migliorare la fertilità del suolo. L’accordo è stato annunciato all’Africa Ceo Forum 2024 in corso a Kigali, in Ruanda. “Questo progetto segna l’alba di un nuovo settore per il Kenya, un settore in cui il Kenya potrebbe diventare un leader mondiale”, ha affermato Makhtar Diop, amministratore delegato di Ifc. “La produzione di biocarburanti non solo aiuterà a decarbonizzare il nostro sistema di trasporti, ma genererà anche reddito per gli agricoltori e creerà posti di lavoro lungo la catena del valore. Siamo orgogliosi di collaborare con un’azienda come Eni, che sta guidando gli sforzi per ridurre l’impronta di carbonio del settore dei trasporti”, ha aggiunto.

La domanda globale di biocarburanti è aumentata di quasi il 6 per cento annuo negli ultimi cinque anni, e l’industria dei trasporti cerca soluzioni per decarbonizzare il settore. In uno scenario di zero emissioni nette entro il 2050, si prevede che l’uso di biocarburanti nei trasporti raddoppierà, raggiungendo il 9 per cento entro il 2030. Sebbene la produzione di biocarburanti sostenibili sia attualmente più costosa rispetto ai carburanti tradizionali, si prevede che i costi diminuiranno man mano che verrà creata una maggiore capacità, e che la tecnologia progredirà. Questo nuovo investimento sosterrà questi sforzi. Ifc fornirà inoltre servizi di consulenza che supporteranno lo sviluppo della catena del valore dei biocarburanti avanzati in Kenya, anche attraverso la promozione di buone pratiche agricole e la professionalizzazione degli aggregatori di agricoltori. Tutti gli agrifeedstock per biocarburanti di Eni riceveranno la International Sustainability and Carbon Certification (Iscc). L’Iscc è uno schema riconosciuto a livello mondiale per i biocarburanti con rigorosi standard di sostenibilità ambientale, sociale ed economica, controllati lungo l’intera catena di approvvigionamento. Il successo del progetto potrà aprire future opportunità di replica in altre aree dell’Africa. Il prestito del Fondo Italiano per il Clima è fornito attraverso Cassa depositi e prestiti, gestore del Fondo. Il Fondo Italiano per il Clima del Governo italiano è finalizzato a finanziare progetti pubblici e privati nei paesi emergenti e in via di sviluppo che contribuiscono al raggiungimento degli obiettivi climatici e ambientali, in linea con gli impegni internazionali sul clima dell’Italia.

Notizie della stesso argomento
Trovati 20 record
Pagina
1
21/06/2024
"Forestami Academy": focus su ecosistemi urbani ed effetto positivo della biodiversità sul...
20/06/2024
Nasce il Nature Positive Network che riunisce le imprese impegnate in azioni a favore dell...
20/06/2024
ANIE Confindustria, transizioni green e digital guidano la crescita dell’industria delle t...
19/06/2024
Snam ancora fra le aziende più virtuose nell'ESG Identity Corporate Index
19/06/2024
WEF, le 5 azioni necessarie per favorire la transizione energetica
19/06/2024
Sisal presenta il Bilancio di Sostenibilità 2023
Trovati 20 record
Pagina
1
Il Magazine
Italia Informa n° 2 - Marzo/Aprile 2024
Newsletter
 
Iscriviti alla nostra Newsletter
Rimani aggiornato su novità
eventi e notizie dal mondo
 
Tutti gli Articoli
Cerca gli articoli nel sito:
 
 
Vedi tutti gli articoli