Rapporto FAO: il settore agroalimentare affronta la minaccia di perdite e danni indotti dai cambiamenti climatici

- di: Barbara Leone
 
Secondo un nuovo rapporto pubblicato oggi dall'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'Alimentazione e l'Agricoltura, i sistemi agroalimentari si trovano ad affrontare una crescente minaccia derivante da perdite e danni indotti dai cambiamenti climatici, ed è necessario intraprendere azioni, tra cui maggiori finanziamenti, per affrontare le loro vulnerabilità. Il rapporto FAO arriva il giorno dopo che i leader mondiali alla COP28 hanno raggiunto un accordo rivoluzionario per rendere operativo il Fondo per le perdite e i danni , concordato per essere istituito lo scorso anno alla COP27. Diversi paesi hanno già stanziato fondi per il fondo per un totale di circa 300 milioni di dollari. Il rapporto della FAO, che comprende un’analisi approfondita dei contributi determinati a livello nazionale (NDC), rivela che circa un terzo (o il 35%) degli attuali piani d’azione per il clima fanno esplicito riferimento a perdite e danni, evidenziando la crescente rilevanza della questione sul piano globale. scena globale, in cui l’agricoltura è identificata come l’area più colpita.

Rapporto FAO: il settore agroalimentare affronta la minaccia dei cambiamenti climatici

Nonostante il suo ruolo centrale nei sistemi agroalimentari globali – che comprende produzione, distribuzione e consumo – l’agricoltura non è stata al centro delle discussioni sulle perdite e sui danni, notano gli autori. Tuttavia, le comunità che fanno affidamento sui sistemi agroalimentari per il proprio sostentamento si trovano attualmente ad affrontare sfide gravi, tra cui povertà, insicurezza alimentare e accesso limitato ai servizi. Lo studio sottolinea la necessità fondamentale di sforzi mirati per affrontare le vulnerabilità dei sistemi agroalimentari, riconoscendo il loro ruolo chiave nei mezzi di sussistenza e nello sviluppo sostenibile. Nel 2020, il settore agroalimentare impiegava oltre 866 milioni di persone a livello globale e rappresentava un fatturato di 3,6 trilioni di dollari. “La COP28 si è aperta con un accordo storico sull’operatività del fondo per le perdite e i danni per aiutare i paesi vulnerabili ad affrontare gli impatti del collasso climatico. Estendo le mie sincere congratulazioni a tutti i paesi per il loro importante impegno volto a rendere operativo il fondo. Questi impegni non sono solo finanziari; rappresentano un riconoscimento condiviso che affrontare le sfide del cambiamento climatico è un imperativo morale urgente”, ha affermato il Direttore Generale della FAO QU Dongyu.

Le nazioni in via di sviluppo, situate in prima linea nel cambiamento climatico e alle prese con le ripercussioni dell’escalation di eventi meteorologici estremi come siccità, inondazioni e innalzamento del livello del mare, hanno sostenuto con insistenza l’istituzione del fondo. Perdite e danni nei sistemi agroalimentari rappresentano un onere economico notevole. I dati delle valutazioni post-catastrofe condotte tra il 2007 e il 2022 indicano che le perdite agricole hanno rappresentato in media il 23% dell’impatto totale dei disastri in tutti i settori. La siccità da sola ha causato oltre il 65% delle perdite nel settore agricolo durante questo periodo, traducendosi in una perdita stimata di 3,8 trilioni di dollari di raccolti e produzione di bestiame negli ultimi 30 anni. Secondo gli autori, si prevede che gli eventi climatici causeranno ulteriori perdite e danni, incidendo sulla produttività, sull’efficienza e sui mezzi di sussistenza di coloro che dipendono dai sistemi agroalimentari. Il rapporto identifica inoltre l’urgente necessità di migliorare le metodologie e gli strumenti per valutare gli impatti negativi dei cambiamenti climatici, poiché i metodi esistenti spesso non riescono a cogliere gli eventi a insorgenza lenta e le dimensioni non economiche delle perdite e dei danni. Lo studio rileva che la mancanza di una definizione concordata a livello internazionale di perdite e danni complica ulteriormente gli sforzi per affrontare la sfida.

Gli autori identificano il sostegno finanziario come un fattore cruciale, con gli attuali livelli di finanziamenti per il clima che scendono al di sotto delle potenziali esigenze dei sistemi agroalimentari. Lo studio rileva inoltre che mancano dati specifici sulle esigenze finanziarie per perdite e danni, richiedendo soluzioni per affrontare questo problema. Andando avanti, il rapporto delinea una serie di azioni per mitigare l’impatto delle perdite e dei danni nei sistemi agroalimentari e sostiene la collaborazione internazionale e partenariati più forti. Questi includono il chiarimento del significato di perdite e danni per i sistemi agroalimentari nazionali, il miglioramento della valutazione del rischio climatico, l’investimento nella raccolta di dati e nella ricerca, l’attuazione di misure di adattamento, il rafforzamento della risposta alle emergenze e l’adozione di un approccio di ripresa basato sulla “ricostruire meglio”.

Poiché il cambiamento climatico continua a superare i limiti di adattamento, gli autori sottolineano che l’attenzione sull’agricoltura come settore vulnerabile diventa sempre più cruciale per gli sforzi globali volti a costruire sistemi alimentari resilienti e sostenibili. I ricercatori della FAO hanno approfondito gli NDC – comunemente intesi come impegni nazionali sul clima nell’ambito dell’Accordo di Parigi – di 168 paesi al 30 giugno 2023, facendo luce sul modo in cui le nazioni affrontano perdite e danni e sulle loro implicazioni specifiche per i sistemi agroalimentari. Riconoscimento delle perdite e dei danni: oltre un terzo dei paesi ha esplicitamente menzionato “perdite e danni” nei propri NDC, segnalando un crescente riconoscimento del problema. Ciò sottolinea la crescente importanza che le nazioni vulnerabili attribuiscono alla gestione delle perdite e dei danni indotti dal clima. Distribuzione geografica: tre quarti dei paesi che menzionano esplicitamente perdite e danni sono paesi a reddito medio. Le menzioni sono concentrate in America Latina e Caraibi, seguite da Asia orientale e Pacifico, ed Europa e Asia centrale. Impatto agroalimentare: l’agricoltura emerge come il settore più colpito, con il 40% dei paesi che segnalano perdite economiche esplicitamente legate all’agricoltura. Lo studio rivela che, per i paesi che segnalano perdite e danni, l’agricoltura si distingue come il settore più colpito. Perdite economiche e non economiche: l'analisi distingue tra perdite economiche e non economiche. Tra i paesi che segnalano perdite e danni, il 33% delle perdite non economiche sono legate al settore agricolo, evidenziando l’impatto multiforme del cambiamento climatico sulle comunità. Tipi di pericolo: gli eventi meteorologici estremi dominano le cause delle perdite economiche, con il 37% delle menzioni relative al settore agricolo. Gli eventi a insorgenza lenta, sebbene segnalati da un gruppo più piccolo di paesi, sono anche legati all’agricoltura, sottolineando la vulnerabilità del settore alle diverse sfide legate al clima.

Il Magazine
Italia Informa n°6 - Novembre/Dicembre 2023
Iscriviti alla Newsletter
 
Tutti gli Articoli
Cerca gli articoli nel sito:
 
 
Vedi tutti gli articoli