Borse: l'accordo sul debito Usa fa crescere i mercati asiatici

- di: Redazione
 
Le borse asiatiche (con l'eccezione di Honh Kong) sembrano avere beneficiato dell'accordo per aumentare il tetto del debito americano raggiunto tra il presidente Biden e il leader della maggioranza repubblicana alla Camera dei Rappresentanti, Kevin McCarthy. Tokyo, Sydney e Shanghai hanno chiuso le contrattazioni odierne in territorio positivo (Seul era chiusa per una festività nazionale). L'indice Nikkei 225 di Tokyo è salito di circa il 2% nelle prime contrattazioni, ma è stato scambiato in rialzo dell'1,3% a 31.325. L'S &P/ASX 200 di Sydney è balzato dell'1% a 7.228,60. L'indice Shanghai Composite è salito dello 0,2% a 3.218,26.
A Hong Kong, l'Hang Seng è sceso dello 0,3% a 18.696,34.

Borse: l'accordo sul debito Usa fa crescere i mercati asiatici

I mercati statunitensi saranno chiusi oggi per una festività. Venerdì, i titoli tecnologici hanno alimentato solidi guadagni per Wall Street dopo che il produttore di chip Marvell Technology ha registrato una crescita del 32,4% dopo che ha dichiarato di aspettarsi che le entrate dell'IA nell'anno fiscale 2024 almeno raddoppino rispetto allo scorso anno. L'annuncio segue quello di giovedì scorso di Nvidia, che ha fornito una previsionedi enorme crescita per le prossime vendite relative all'IA.

L'S &P 500, venerdì, è salito dell'1,3% chiudendo a 4.205,45. Il Dow Jones Industrial Average ha guadagnato l'1% a 33.093,34. Il Nasdaq ha registrato i maggiori guadagni, salendo del 2,2% a 12.975,69.
Gli ultimi dati sull'inflazione statunitense hanno evidenziato la continua tenuta della spesa dei consumatori, che è stata un baluardo fondamentale, insieme al forte mercato del lavoro, contro una recessione. L'economia è cresciuta a un tasso annuo lento dell'1,3% da gennaio a marzo e si prevede che acceleri a un ritmo del 2% nell'attuale trimestre aprile-giugno.

L'impatto dell'inflazione e le preoccupazioni per una recessione all'orizzonte hanno colpito gli utili e le previsioni aziendali. L'ultima tornata di utili societari si sta avvicinando alla chiusura con gli utili delle società dell'S &P 500 in contrazione di circa il 2%.
Il greggio di riferimento statunitense ha aggiunto 81 centesimi a 73,48 dollari al barile nel commercio elettronico sul New York Mercantile Exchange.
Notizie della stesso argomento
Trovati 10 record
Pagina
1
19/07/2024
Stati Uniti: Trump "arruola" Dio e promette di plasmare il Paese per i prossimi decenni
18/07/2024
Giappone: nel primo semestre dell'anno l'export torna a crescere
17/07/2024
Starmer promette di ''togliere i freni'' alla Gran Bretagna
17/07/2024
Cina: il Partito comunista definisce le riforme per rilanciare l'economia
17/07/2024
Fmi rivede al rialzo le previsioni di crescita per India e Cina
16/07/2024
Usa: la Federal Reserve a un passo dal taglio dei tassi di interesse
Trovati 10 record
Pagina
1
Il Magazine
Italia Informa n° 3 - Maggio/Giugno 2024
Newsletter
 
Iscriviti alla nostra Newsletter
Rimani aggiornato su novità
eventi e notizie dal mondo
 
Tutti gli Articoli
Cerca gli articoli nel sito:
 
 
Vedi tutti gli articoli