Covid-19: vaccini, gli Usa si scoprono preda di diseguaglianze razziali

- di: Brian Green
 
Le campagne vaccinali che, negli Stati Uniti, sono condotte contro il Covid-19 per i bambini in età scolare hanno rivelato un altro punto cieco negli sforzi della nazione per affrontare le disuguaglianze pandemiche: i sistemi sanitari hanno rilasciato pochi dati sulla ripartizione razziale dei vaccini che riguardano i bambini e questo fa temere che i quelli neri e latini siano indietro. Solo pochi Stati hanno reso pubblici i dati sulle vaccinazioni per razza ed età, e anche i Centri federali per il controllo e la prevenzione delle malattie non compilano disaggregazioni razziali.

Gli Usa affrontano il problema della ripartizione razziale dei vaccini anti-Covid

Nonostante la mancanza di dati concreti, i funzionari della Sanità pubblica e i medici sono consapevoli delle disparità e si sono rivolti alle comunità di colore per superare i timori nei riguardi del vaccino. I leader della Sanità pubblica ritengono che i divari razziali siano causati dalle barriere del lavoro e dei trasporti, nonché dalla persistente riluttanza e dalle lacune informative. I genitori che non dispongono di mezzi di trasporto hanno difficoltà a portare i propri figli da e verso i centri di vaccinazione. Coloro che non hanno orari di lavoro flessibili o congedi familiari retribuiti potrebbero ritardare la vaccinazione dei propri figli per la difficoltà ad assentarsi, per questo motivo o nel caso in cui i bambini dovessero saltare le lezioni per lievi effetti collaterali.

Il quadro non è omogeneo. In Michigan, Connecticut e a Washington, DC, i bambini bianchi sono stati vaccinati a tassi molto più alti rispetto ai loro omologhi neri. Ma a New York City, i giovani bianchi, di età compresa tra i 13 ei 17 anni, vengono vaccinati a tassi inferiori rispetto ai bambini neri, latini e asiatici. In Connecticut, i tassi di vaccinazione per i giovani dai 12 ai 17 anni in molte città ricche, prevalentemente bianche, superano l'80%.

Nel distretto di Washington, la persistente riluttanza nella comunità nera - nonostante mesi di campagne di sensibilizzazione - si è rispecchiata nei bassi tassi di vaccinazione tra gli adolescenti di colore. I numeri più recenti forniti dal Dipartimento della salute del Distretto della Columbia mostrano che il tasso di vaccinazione completa tra i bambini neri tra i 12 ei 15 anni è poco più della metà di quello dei loro omologhi bianchi: 29% rispetto al 54%.

A Seattle, la Odessa Brown Children's Clinicha iniziato a ospitare cliniche mobili, offrendo vaccinazioni domiciliari e fornendo informazioni in una serie di lingue per raggiungere le famiglie che altrimenti non avrebbero avuto una possibilità per i loro figli. Circa il 40% dei pazienti della clinica sono neri e il 30% parla una lingua diversa dall'inglese, mentre il 70% utilizza Medicaid.

Il dipartimento di sanità pubblica di Chicago ha pianificato di espandere il suo programma di vaccinazione domiciliare ai 5 anni in su a partire da questa settimana. Il Comer Children's Hospital dell'Università di Chicago e il Loyola Medicine Centre a ovest di Chicago hanno entrambi pianificato di inviare unità mobili di vaccinazione pediatrica nelle comunità svantaggiate nei prossimi giorni.
La Casa Bianca ha fatto dell'equità sanitaria una priorità assoluta e la sua task force sul coronavirus ha affermato la scorsa settimana che il Paese ha colmato il divario razziale tra la popolazione complessiva di 194 milioni di persone completamente vaccinate. L'amministrazione Biden ha anche affermato che sta spendendo quasi 800 milioni di dollari per sostenere le organizzazioni che cercano di ampliare la fiducia nei vaccini tra le comunità di colore e gli americani a basso reddito.
  • Nessun record presente in archivio
Il Magazine
Italia Informa n°6 - Novembre/Dicembre 2022
Iscriviti alla Newsletter
 
Tutti gli Articoli
Cerca gli articoli nel sito:
 
 
Vedi tutti gli articoli